Catturava volatili con richiami acustici e una rete di 600 mq: fermato cacciatore

Una trentina gli uccelli liberati. Sono in corso altri accertamenti per individuare ulteriori responsabilità, oltre al cacciatore di San Giovanni Rotondo

La rete per catturare gli uccelli

Ieri mattina i militari del comando gruppo Carabinieri Forestale Nucleo Investigativo di Foggia, hanno sorpreso un uomo di San Giovanni Rotondo che dopo aver posizionato una fittissima rete stava raccogliendo una trentina di volatili rimasti impigliati.

Dopo averli tempestivamente liberati, gli uomini in divisa hanno denunciato a piede libero il responsabile ed hanno sequestrato circa 600 metri quadrati di rete finissima che con l’ausilio di richiami acustici impigliava nelle sue maglie gli ignari uccelli che vi si posavano.

L’attività è stata eseguita dopo una attenta perlustrazione della zona e solo un paziente appostamento ha permesso di individuare il soggetto responsabile e denunciarlo. Le contestazioni formulate al responsabile sono in violazione alla L. 157/92 ed alla L. R. Puglia 27/98.

L’attività rientra nella pianificazione eseguita dal Comando Gruppo Carabinieri Forestale di Foggia  per il controllo del territorio e per la prevenzione dei reati ambientali contro gli animali. Sono in corso altri accertamenti per individuare ulteriori responsabilità.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolge e uccide 35enne, scappa ma telecamere e frammenti lo incastrano: arrestato per omicidio stradale

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • "Mamma come l'ho combinato". Tutte le vittime della violenta 'Società Foggiana': "Qui le estorsioni devi pagarle a noi"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

Torna su
FoggiaToday è in caricamento