menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il mezzo fermato dalla polizia

Il mezzo fermato dalla polizia

Manomette tachigrafo per continuare a guidare (ma risulta a riposo): trucchetto metteva a rischio l'incolumità sua e degli automobilisti

Gli agenti della polizia autostradale hanno sanzionato e denunciato il conducente, fermato in A14, ad Orta Nova. Ha esposto gli utenti della strada a gravi rischi: il mancato riposo comporta minore lucidità alla guida

Circolava alla guida di un autoarticolato con, a bordo, il tachigrafo digitale alterato: sanzionato e denunciato autotrasportatore palombarese, del Chietino. E' quanto accaduto nel pomeriggio dello scorso 3 settembre, al km 578 nord dell’A14, ambito del Comune di Orta Nova.  

Nel merito, una pattuglia della Sottosezione Polizia Autostradale di Foggia durante l’espletamento del servizio d’istituto, volto alla prevenzione e repressione dei reati in genere nell’ambito della vigilanza stradale in autostrada, procedeva al controllo di un autoarticolato costituito da trattore stradale e semirimorchio (quest’ultimo trasportante una cisterna) per le verifiche di Polizia Stradale.

Dall’esame documentale e, più segnatamente, dal risultato della stampa ottenuta dal tachigrafo digitale, emergeva che il conducente “circolava alla guida del veicolo industriale, nonostante risultasse in pausa”. Per l’incongruenza riscontrata, gli operatori individuavano un cablaggio elettronico, composto da un dispositivo-centralina con interruttore on/off, costruito artigianalmente, posizionato in un vano sottostante l’autoradio.

Tale cablaggio, quindi, aveva la funzione di falsificare le registrazioni in merito all’attività lavorativa del conducente, oltre ad alterare i sistemi di sicurezza del veicolo, come il limitatore di velocità ed, in parte, la frenata-sistema ABS. Per tutto quanto accertato e riscontrato procedevano, quindi, a comminare le sanzioni al Codice della Strada, sia al trasgressore-conducente che al titolare della ditta, quale persona giuridica-proprietario dell’autoarticolato, per un importo complessivo di 2569 euro, decurtazione di dieci punti dalla patente di guida del conducente che, in applicazione della sanzione accessoria dei contesti amministrativi elevati, è stata ritirata e trasmessa all’Autorità Amministrativa competente per il susseguente provvedimento di sospensione.

Il conducente, inoltre, è stato denunciato, in stato di libertà, alla competente Autorità Giudiziaria, “per aver posto pericolo alla sicurezza dei trasporti” e “per aver installato un sistema di cablaggio elettronico sul tachigrafo digitale senza adottare le dovute cautele contro gli infortuni sul lavoro”, con conseguente sequestro penale del cablaggio elettronico, illecitamente utilizzato per alterare il funzionamento regolare del tachigrafo digitale, ovvero la cosiddetta scatola nera del veicolo commerciale. Con tale attività si è evitato che un autoarticolato, con le caratteristiche tecniche non conformi ai criteri di sicurezza originari, potesse arrecare pericolo alla circolazione stradale in ambito autostradale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento