menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Da Cerignola la "truffa della legna" si spinge fino al Triveneto: donna raggirata, incastrato imbroglione

E' accaduto a Sacile: l'uomo doveva consegnare un carico di 30 quintali di legna da ardere, ma ne ha consegnati 850 kg, incassando ugualmente il prezzo pattuito

C'è un 29enne di Cerignola dietro la cosiddetta "truffa della legna" recentemente diffusa nel Triveneto. L'uomo, operaio, con precedenti di polizia, è stato denunciato in stato libertà per il reato di truffa dai carabinieri di Sacile, in provincia di Pordenone, dopo aver raccolto la denuncia di una donna di Brugnera, raggirata sull'acquisto di un carico di legna.

Il fatto risale al 6 marzo di quest'anno: una 23enne di Brugnera sporgeva denuncia querela nei confronti di uno sconosciuto che l’aveva convinta ad acquistare della legna da ardere a 10 euro al quintale. All’atto della consegna, le veniva scaricato nel cortile un quantitativo di legname inferiore a quello richiesto e retribuito (venivano scaricati 850 kg anzichè 3 tonnellate di legna da ardere al prezzo complessivo di 320 euro) di cui l’acquirente si rendeva conto in un secondo momento.

I carabinieri hanno quindi accertato l’identità dell’indagato comparando analoghi accadimenti delittuosi dallo stesso perpetrati in concorso con altri corregionali nel Triveneto adottando il medesimo modus operandi denominato “truffa della legna” recentemente piuttosto diffuso. La foto dell’indagato acquisita dai colleghi della Stazione Carabinieri di Legnaro è stata riconosciuta dalla vittima e dai suoi familiari presenti durante le operazioni di consegna del legname.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento