menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piazza Padre Pio e Via Giulio De Petra in stato di abbandono. LE FOTO

Vie periferiche e piazze del centro nella morsa di bottiglie, cartacce e rifiuti vari. I Cittadini sono indignati. Nuove lagnanze si alternano a vecchie questioni. Cooperative in sciopero e vandali in azione

Le immagini sono eloquenti. Siamo a Foggia. Nulla di nuovo: aree verdi abbandonate a sé stesse, rifiuti di ogni tipo e in ogni dove, erba altissima. Si stenta a scorgerne un parco giochi. Eppure è quello di Via Giulio De Petra inaugurato solo due anni fa, dove famiglie con bambini vi si recano quotidianamente per trascorrere qualche ora all’aria aperta. O meglio, vi si recavano. Perché l’impresa oggi è diventata titanica: significherebbe farsi largo tra veri e propri arbusti divenuti ricettacolo di ogni sorta di rifiuto, teatro ideale di notte per scorribande e incursioni vandaliche.

Le altre foto si riferiscono invece a Piazza Padre Pio, zona centralissima di Foggia. Bottiglie di birra, lattine, carte, per terra si trova davvero di tutto. A conferma dello stato di abbandono in cui versa l’area verde e dell’inciviltà e della sciatteria dei foggiani, che mai come in questo periodo stanno dando dimostrazione di uno scarsissimo rispetto per l’ambiente che li circonda. Perché è vero, il problema è sempre lo stesso: le cooperative del verde a cui compete la pulizia delle aree verdi cittadine sono in sciopero da almeno dieci giorni. Il Comune non paga gli stipendi, l’ultima mensilità risale a febbraio, e l’Unioncoop (sotto la cui sigla sono riunite tutte le cooperative del verde, dipendenti da Amica spa) ha dichiarato lo stato di agitazione permanente, “almeno fino a quando – ci dicono- non verranno erogate le spettanze di marzo”. Il che, visto il “rosso” delle casse comunali, è difficile da prevedere.

L’Amica, intanto, in vistoso affanno da settimane, fa quel che può e, di concerto con l’amministrazione comunale, è impegnata in queste ore nella messa a punto di un piano straordinario di pulizia della città che sta dando qualche risultato. Ma le aree verdi, a quanto pare, restano fuori dal raggio di azione dei mezzi (e anche da parecchio a guardare le immagini e l’altezza raggiunta dall’erba). Qualche cittadino di buona volontà si dà al fai da te. Ma l’indignazione generale ha raggiunto livelli altissimi. Mentre il parco da giorni è un’area vuota: deserto, desolato. I bambini lo guardano da lontano. Mentre su quelle giostrine, di notte, si bivacca bevendo birra.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Puglia in bilico tra il giallo e l'arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento