Degrado Foggia, Miranda AQV: “Situazione intollerabile e insostenibile”

"L'intervento delle istituzioni deve essere tempestivo e servirebbe per limitare i danni di una situazione emergenziale che rende l'intera città davvero invivibile"

Luigi Miranda

“Passano i mesi e la situazione continua a peggiorare, sono sotto gli occhi di tutti i segni evidenti di intere zone della città ormai alla deriva". Così il presidente AQV Luigi Miranda - che prosegue - "Gli interventi della polizia municipale sono sempre più rari, ma gli incidenti, ad autovetture e persone, causati da un manto stradale dissestato, purtroppo si moltiplicano".

"Stesso dicasi per i pochi polmoni verdi della città, in primis Parco San Felice, che versa in condizioni disastrose, con sporcizia e strutture fatiscenti. Se non fosse per tanti cittadini di buon cuore che, muniti di attrezzature idonee, hanno provveduto ad una manutenzione e pulizia sommaria della zona, la situazione sarebbe ben peggiore.

Ma la vera ferita aperta continua ad essere il centro storico, la zona di Via Arpi, diventata pericolosa, sporca e degradata, una zona che a stento si riesce a percorrere di giorno, in cui commercianti e residenti sono stati costretti ad andar via per non continuare a subire continui danni e furti ad opera di malviventi senza scrupoli che, soprattutto di notte, marcano il territorio.

Non è più tollerabile tutto ciò - continua Miranda - non è giusto che siano sempre i cittadini e i commercianti a dover pagare lo scotto della mala gestione degli ultimi anni, o che alcune associazioni, come ‘Il Comitato di Via Arpi’, si siano dovute autotassare per poter realizzare delle manifestazione che riportassero un pò di colore e un pò di vita all’intera zona. Iniziative encomiabili queste ma che purtroppo da mesi non hanno avuto più seguito per via dei costi troppo onerosi da sostenere.

E’ bene che anche le richieste di presidio notturno vengano ascoltate e valutate attentamente, perché la mobilitazione cittadina e delle associazioni non sempre è sufficiente a risolvere il problema vivibilità e sicurezza.

L’intervento deve essere tempestivo e servirebbe a limitare i danni, per quanto possibile, di una situazione emergenziale che rende l’intera città davvero invivibile” - conclude Miranda.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento