Cronaca San Severo

San Severo non può essere lasciata sola a combattere la criminalità

L’assessore alla Legalità Antonio Cicerale: “La città non può essere lasciata sola contro chi, con atteggiamenti violenti e cruenti, mette a repentaglio la vita degli esercenti e dei cittadini”

L’ultimo episodio criminale che si è consumato nel tardo pomeriggio di ieri a San Severo – dove i malviventi hanno rapinato una gioielleria, picchiato il titolare e sparato tra la gente per farsi largo durante la fuga – sconcerta e sconvolge la comunità che soltanto pochi giorni fa era scesa in piazza per manifestare contro l’escalation criminale.

L’assessore alla Legalità, Antonio Cicerale, ha espresso la solidarietà personale e dell’amministrazione comunale al gioielliere vittima della rapina e all’intera categoria “costretta a vivere una situazione sempre più difficile”. “La città non può essere lasciata sola contro chi, con atteggiamenti violenti e cruenti, mette a repentaglio la vita degli esercenti e dei cittadini. Siamo preoccupati per le modalità sempre più cruente che caratterizzano questi episodi e faremo presenti sui tavoli di competenza le difficoltà e le paure di cittadini ed esercenti”, aggiunge l’assessore, che insieme al sindaco hanno confermato l'impegno a continuare a rappresentare ulteriormente la questione presso gli organi preposti.

Intanto ‘Epicentro Giovanile’ boccia le reazioni dei politici che avrebbero definito “Buffonesche e retoriche manifestazioni", "Passeggiata folcloristica" e "manifestazione senza alcun obiettivo", il tentativo dell’associazione di risvegliare l’impegno civile dei cittadini. “Vogliamo la legalità, non le polemiche” chiosano.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Severo non può essere lasciata sola a combattere la criminalità

FoggiaToday è in caricamento