Cronaca

La Puglia ha deciso: "Vaccino libero per tutti gli Over 60 che si presenteranno negli hub"

Lo ha deciso la Regione Puglia, adeguandosi alle direttive dell’ordinanza n.6/2021 del Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19. Si parte da domani, lunedì 12 aprile

Immagine di repertorio

Vaccino per tutti gli Over 60 che, a partire da domani, 12 aprile, si presenteranno presso gli hub della propria città. Lo ha deciso la Regione Puglia, adeguandosi alle direttive dell’ordinanza n.6/2021 del Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19 con la quale sono stati evidenziati i criteri di priorità da seguire nella vaccinazione delle diverse categorie di persone così come identificate dal Piano Strategico Nazionale di Vaccinazione anti Covid-19 e suoi aggiornamenti.

La decisione è stata presa dalla Cabina di regia regionale, formalizzata e inoltrata in via prioritaria a tutti gli attori della compagna vaccinale anti-Covid in Puglia. “In ragione di quanto previsto dalla circolare del Ministero della Salute, con la quale ha fornito raccomandazioni circa l’uso preferenziale del vaccino Vaxzevria nelle persone di età superiore ai 60 anni, e tenuto conto del numero di adesioni che le categorie di persone pugliesi stanno manifestando attraverso i canali previsti”, si legge nel documento, “si ritiene di dover mettere in atto ulteriori azioni finalizzate al potenziamento dell’offerta vaccinale”.

“Pertanto, a partire dal 12.04.2021, l’accesso alla vaccinazione per tutte le persone di età superiore ai 60 anni che non si trovano in condizione di estrema vulnerabilità e/o di disabilità grave è consentito  senza alcuna preventiva conferma di adesione o prenotazione; tutti i Punti Vaccinali di Popolazione (Hub Vaccinali) e tutti i Punti Vaccinali Territoriali attivati nelle province di Puglia devono, pertanto, garantire la somministrazione del vaccino Vaxzevria per tutte le persone di età superiore ai 60 anni che non si trovano in condizione di estrema vulnerabilità e/o di disabilità grave, fino al completamento delle disponibilità giornaliere previste”.

Ancora, “alle persone che hanno già manifestato l’adesione alla vaccinazione dovrà essere garantita la priorità di accesso al Punto Vaccinale, secondo quanto previsto in base alla prenotazione/adesione. Si chiarisce che la presente disposizione tiene conto del piano di distribuzione del vaccino Vaxzevria sin qui reso noto dalla Struttura Commissariale nazionale. Restano ferme le disposizioni già impartite in merito alla vaccinazione in favore dei soggetti fragili e domiciliari"

“A tal fine, i direttori generali delle Asl devono: impegnare nelle attività vaccinali tutto il personale sanitario e medico che non è adibito ad attività di assistenza ospedaliera in regime di ricovero, di emergenza urgenza, in attività ambulatoriali territoriali urgenti e non differibili nonché in attività di riabilitazione e recupero non rinviabili; attivare immediatamente tutti gli istituti contrattuali previsti per il personale di comparto e per la dirigenza per l’erogazione di prestazioni aggiuntive finalizzate agli obiettivi inderogabili connessi al Piano Strategico di Vaccinazione; c) attivare immediatamente forme di coinvolgimento di operatori sanitari e medici in organico presso Aziende Ospedaliero-Universitarie, Istituti ed Enti del Servizio Sanitario Regionale nonché presso strutture private che si rendano disponibili alla partecipazione alle sedute vaccinali in attività extra lavorativa”.

Ancora, “attivare immediatamente il reclutamento su base volontaria di operatori sanitari e medici in quiescenza o liberi professionisti da adibire alle attività vaccinali, previo assolvimento degli adempimenti di legge (copertura assicurativa, etc..); definire immediatamente con i Sindaci dei rispettivi territori il potenziamento dei Punti Vaccinali e l’eventuale attivazione di ulteriori Punti Vaccinali, in base ai bisogni territoriali. Tutto il personale adibito alla somministrazione del vaccino anti Covid-19 dovrà essere preventivamente formato sia con riferimento alla organizzazione delle attività vaccinali, sia con riferimento alle diverse tipologie di vaccino e loro utilizzo, sia con riferimento agli obblighi informativi inderogabili.

L’elenco aggiornato dei Punti Vaccinali con esatta indicazione dell’indirizzo e degli operatori di apertura dovrà essere immediatamente messo a disposizione da ciascuna Direzione Generale ASL in favore del Servizio Comunicazione Istituzionale della Regione Puglia affinchè sia pubblicato sui siti istituzionali”. Tali elenchi dovranno essere immediatamente esposti presso la rete delle farmacie convenzionate nonché presso le sedi CUP e presso tutte le sedi ambulatoriali delle Aziende ed Enti del Servizio Sanitario Regionale”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Puglia ha deciso: "Vaccino libero per tutti gli Over 60 che si presenteranno negli hub"

FoggiaToday è in caricamento