Tamponi per chi rientra o arriva in Puglia, la Regione alle strutture private: "Assicurare test 7 giorni su 7"

Il Dipartimento Promozione Salute invita le strutture pubbliche e private ad assicurare i test 7 giorni su 7 e a "rispettare le modalità tecniche e organizzative": "Verificare che siano passate 72 ore dall'ingresso nel territorio regionale dei soggetti segnalati"

Il Dipartimento Promozione della Salute della Regione Puglia ha inviato nella giornata di ieri alla rete degli 11 laboratori privati che effettuano i test molecolari (tamponi) per la ricerca del virus Sars Covid-19 una nota firmata dal direttore Vito Montanaro e dal dirigente Onofrio Mongelli.

Secondo quanto è riportato nella nota, si invitano i laboratori “che hanno dichiarato ed accettato di obbligarsi senza condizione o riserva alcuna al rispetto delle norme e delle disposizioni nazionali e regionali che regolano la gestione dell’emergenza sanitaria” e di “rispettare le modalità tecniche e organizzative stabilite per l’accettazione delle richieste di esecuzione dei test Sars Cov-2 e dei tamponi da parte del servizio sanitario regionale” che “per il tempo strettamente necessario e comunque non oltre il 31 agosto” i soggetti che ritornino dall’estero come previsto dall’Ordinanza del Ministero della Salute del 12 agosto che scelgano di recarsi presso un laboratorio della rete privata, questo, prima di procedere con il tampone, dovrà verificare che il soggetto si sia auto segnalato sul sito web della Regione e siano trascorse almeno 72 ore dal suo ingresso nel territorio regionale, inserendo nel sistema Giava Covid tutte le informazioni previste.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Avendo rilevato che taluni laboratori non conferiscono quotidianamente i dati previsti, si richiamano tutti i Direttori ad assicurare l’esecuzione dei test 7 giorni su 7, festivi compresi”, inviando come d’obbligo i dati sul sistema, per assicurare la correttezza dei flussi informativi. “Il mancato rispetto degli obblighi – si conclude - è, peraltro, motivo di revoca dell’ammissione alla rete regionale laboratori SARS Cov-2”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scandalo a luci rosse nella Caritas di Foggia. Sacerdote filmato durante atti sessuali e minacciato, nei guai due persone

  • Tragedia sulle strade del Gargano: morto motociclista di 31 anni, impatto fatale con un'auto

  • Maxi contagio da festa in famiglia. L'Asl Foggia: "Si tratta di circa la metà dei nuovi contagi in Capitanata"

  • Elicottero sorvola Foggia: raffica di perquisizioni, forze dell'ordine a caccia di armi e droga

  • Il virus dilaga, Landella corre ai ripari: a Foggia mascherine obbligatorie all'aperto e centri commerciali chiusi domenica

  • Choc a Foggia: palpeggia il sedere di una ragazza e la schiaffeggia, arrestato per violenza sessuale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento