Coronavirus, 50 casi a San Nicandro Garganico. Sindaco corre ai ripari: "Ripristinato il Coc, le famiglie scelgano la didattica a distanza"

Il primo cittadino Costantino Ciavarella prende posizioni sul 'nodo scuola': "Invito le famiglie degli alunni di scuola primaria e secondaria di primo grado a continuare la didattica a distanza, fino a nuovi provvedimenti che verranno adottati dopo l’incontro dei sindaci con il Prefetto"

Immagine di repertorio

Aumento dei contagi da Covid-19 anche a San Nicandro Garganico, dove il sindaco Costantino Ciavarella corre ai ripari con due misure straordinarie: da una parte la riattivazione del Coc, il Centro operativo comunale; dall'altra l'invito alle famiglie di alunni e studenti ad optare per la didattica a distanza (sfruttando di fatto la possibilità offerta loro dal Governatore della Puglia, Michele Emiliano).

"Nella nostra comunità, si è verificato un incremento di nuovi casi positivi al Covid 19. La prefettura, con comunicazione ufficiale, rende noto che al 5 novembre, nella nostra comunità ci sono 35 casi positivi al coronavirus e 20 in isolamento fiduciario", spiega Ciavarella. "Ufficiosamente, sulla base di dati confermati da riscontro oggettivo sul territorio, le positività sono maggiori, con 50 casi positivi e circa 25 in isolamento fiduciario".

"Consola la certezza che tutti sono asintomatici o paucisintomatici, tranne due persone che sono ricoverate in ospedale, ma non necessitano di terapia intensiva. La situazione è in continuo peggioramento ovunque, tanto da far evocare la possibilità di un nuovo lockdown che determinerebbe un dramma socio-sanitario ed economico senza precedenti. In questa situazione, il primo provvedimento preso è quello di riattivare il C.O.C. per offrire un servizio nella assistenza alla popolazione e, in particolare, alle persone costrette a rimanere a casa in quanto risultate positive al Covid-19, o perchè sottoposte a misure di isolamento fiduciario, ed inoltre per supportare l’approvvigionamento di farmaci e presidi necessari alle persone anziane o con disabilità".

Poi il punto sul nodo-scuola: "Invito le famiglie degli alunni della scuola primaria e la scuola secondarie di primo grado a scegliere di continuare la didattica a distanza, fino a nuovi provvedimenti che verranno adottati dopo l’incontro che tutti i sindaci di Capitanata avranno con il prefetto. Invito tutti i cittadini, ed in particolare ai ragazzi ed ai giovani, di rispettare le regole sanitarie contenute nel Dpcm del 4 novembre e di comportarsi responsabilmente per tutelare la salute di ognuno di noi soprattutto degli anziani e delle persone più a rischio", conclude.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento