Coronavirus: in Capitanata cinque zone rosse e cinque amaranto. Tamponi per chi non ha sintomi (ma a pagamento)

In provincia di Foggia Orta Nova, San Giovanni Rotondo, Manfredonia, Foggia e Lucera zone rosse. Tamponi per chi non ha sintomi, ma a pagamento, in due laboratori privati accreditati, nel capoluogo dauno e nella città di San Pio

Foto di repertorio

Anche in provincia di Foggia si registra un aumento dei contagi. Dall'inizio dell'emergenza ad oggi, sono quasi 3mila i cittadini residenti in Capitanata che hanno scoperto di aver contratto l'infezione da Covid-19 Coronavirus. Gli attualmente positivi sono circa 700 sui 6mila dell'intera Puglia (5991 per l'esattezza), di cui per 480 di loro si è reso necessario il ricovero in ospedale.

I deceduti per il Covid sono 644, i guariti 5690. Su 12306 casi positivi registrati da febbraio ad oggi, gli asintomatici rappresentano il 67,3%, il 22,8% i pauci-sintomatico, sintomi lievi per il 7,4%. In uno stato critico o severo il restante.

La provincia di Foggia mantiene la più alta incidenza di casi cumultati ogni 10mila abitanti: 46,8. Segue Bari con 41,4. La media in Puglia è di 30,7. Nella seconda ondata, rispetto alla prima della primavera scorsa, il virus ha colpito perlopiù le donne.

In Capitanata le zone rosse - con almeno cinquanta casi - sono cinque: Orta Nova, San Giovanni Rotondo, Manfredonia, Foggia e Lucera. Amaranto San Severo, Monte Sant'Angelo, Apricena, San Marco in Lamis, Cerignola ed Ascoli Satriano (casi da 21 a 50). Da 11 a 20 casi Stornara, Ordona e Vieste. Da sei a dieci casi Peschici, San Nicandro Garganico e Lesina

Ad oggi, soprattutto da parte dei sindaci, c'è il timore che il virus possa realmente sfuggire di mano. D'altronde in Puglia è ormai saltato il tracciamento. 

Nel frattempo, nel tardo pomeriggio di ieri, Michele Emiliano e l'assessore alla Sanità Pierluigi Lopalco hanno ufficializzato la possibilità per chi vuole fare un tampone - per sua personale sicurezza o per altre ragioni - di richiederlo presso uno dei laboratori privati accreditati.

Una possibilità aggiuntiva decisa con la Giunta regionale che viene data anche a chi non manifesta sintomi. Di ottanta euro la tariffa massima applicata. Tariffa che la Regione Puglia sta pensando di abbassare ulteriormente alla luce dei prezzi di mercato. 

I laboratori privati accreditati della Rete Covid in provincia di Foggia sono il 'Centro Analisi Cliniche ed Ormonali' del capoluogo dauno e 'Villani' di San Giovanni Rotondo. I test continueranno ad essere gratuiti per tutti i casi con sintomi o contatti stretti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

  • Spaventoso incidente in via Castiglione: ragazza abbatte tubo del gas e si schianta contro una farmacia agricola

  • Addio al dott. Michele Urbano, la Capitanata piange la scomparsa di un professionista "serio e laborioso"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento