Coronavirus, potenziato il reparto di Malattie Infettive dei Riuniti: pronti 20 nuovi posti letto per i pazienti contagiati

Dodici posti letto sono stati attivati il 1° novembre, mentre gli altri 20 entreranno a pieno regime dal 1° dicembre. Saranno interessati gli ambienti dell’ex Medicina di urgenza del Pronto soccorso, l’ex Unità di terapia intensiva coronarica (Utic) e l’ex reparto di Cardiologia

Il prof. Sergio Locaputo

Coronavirus, scattano le misure d'emergenza al Policlinico Riuniti. Parallelamente all'aumento di posti letto nella Rianimazione, l’azienda ospedaliera - universitaria ha predisposto un ulteriore rafforzamento del livello di guardia per aumentare l’attenzione in questo momento delicato per fronteggiare la rapida evoluzione della pandemia da Sars- CoV2.

Sono stati infatti individuati ulteriori posti letto da destinare alla cura di pazienti affetti da Coronavirus in seguito all’andamento epidemico della pandemia che si sta registrando in queste settimane. Il cronoprogramma delle ultime attivazioni di posti letto registra l’implementazione del 3^ modulo di Malattie Infettive, affidato alla responsabilità del prof. Sergio Locaputo.

La direzione generale ha predisposto l’ampliamento dell’area con ulteriori 12 posti letto già attivi dal primo novembre 2020 e altri 20 a pieno regime per un totale di 32 con decorrenza dal primo dicembre 2020. Saranno interessati gli ambienti dell’ex Medicina di urgenza del Pronto soccorso, l’ex Unità di terapia intensiva coronarica (Utic), l’ex reparto di Cardiologia con l’aggregazione di ambienti di servizio ivi presenti. Il modulo insisterà al primo piano sopra al pronto soccorso.

"Il Policlinico Riuniti si sta adeguando in tempi congrui per completare l’upgrade delle aree interessate dalla congestione pandemica - spiega la direzione in una nota stampa - con un rafforzamento anche del personale socio-sanitario e quello infermieristico che è attualmente in reclutamento: al massimo delle sue potenzialità, la struttura ospedaliero-universitaria può esprimere un intervento ancora più incisivo nella lotta alla pandemia anche grazie ad un numero rilevante di test molecolari per Sars-CoV 2 (tamponi) effettuati da equipe di biologi e tecnici di laboratorio incrementata appositamente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Coronavirus: 30 morti e un contagiato su quattro in Puglia. I nuovi positivi sono 1100 su appena 4100 tamponi

  • Qualità della Vita, Foggia sprofonda all'ultimo posto: ItaliaOggi premia Pordenone

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

  • Addio al dott. Michele Urbano, la Capitanata piange la scomparsa di un professionista "serio e laborioso"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento