Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cronaca

Coronavirus: dieci 'camici bianchi' morti in Puglia. Costantino Ciavarella l'ultimo caduto: "Uno stillicidio continuo"

Pierluigi De Paolis, presidente dell’Ordine dei medici di Foggia: "Era una persona molto stimata". Filippo Anelli, presidente dell’Ordine dei medici di Bari: "È vitale accelerare il piano di vaccinazione per tutto il personale sanitario, inclusi liberi professionisti e odontoiatri"

Costantino Ciavarella

Continua ad allungarsi, purtroppo, la lista dei medici pugliesi deceduti per Covid-19. Ieri sera è scomparso Costantino Ciavarella, 65 anni, medico di medicina generale di San Nicandro Garganico, dove rivestiva anche la carica di sindaco. Era ricoverato da tempo presso l’ospedale di San Severo, dove le sue condizioni erano peggiorate negli ultimi giorni, tanto da richiedere il suo ricovero in terapia intensiva.

Con il suo nome, sale a 10 il numero dei medici pugliesi morti a causa dell’epidemia di Covid-19. “Costantino Ciavarella era una persona molto stimata per le sue doti umane e professionali ed aveva ricevuto attestati di fiducia da parte dei suoi concittadini anche come amministratore", commenta Pierluigi De Paolis, presidente dell’Ordine dei medici di Foggia“A sua moglie, al figlio e a tutti i suoi familiari esprimo le più sentite condoglianze a nome di tutta la comunità medica.”

 “Questo ennesimo lutto mi addolora e mi preoccupa”, dichiara Filippo Anelli, presidente dell’Ordine dei medici di Bari. "Benché a oggi siano 2480 i medici di famiglia pugliesi vaccinati per il Covid 19, pari quindi all’80%, lo stillicidio di morti non si ferma. È vitale accelerare il piano di vaccinazione per tutto il personale sanitario, inclusi liberi professionisti e odontoiatri, perché l’intera categoria è esposta”.

Sulla vicenda è intervenuto anche il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, che, dopo la consegna dei lavori dell’ospedale Covid in Fiera del Levante, si recherà a San Nicandro Garganico. "La morte per Covid del sindaco Costantino Ciavarella mi addolora tantissimo. Ci lascia un medico, un sindaco, una persona buona, generosa che si è dedicata ai suoi pazienti e ai cittadini con la stessa bontà", spiega.

"Un amministratore attento ai bisogni delle persone che ha servito con intelligenza, generosità e lealtà, dimostrando un forte radicamento al territorio ed un profondo amore per la sua gente. Vorrei dedicare a lui questa giornata, vorrei dedicarla a tutti coloro che stanno combattendo questa malattia e ai loro familiari, vorrei dedicarla a tutti gli operatori sanitari che sono al lavoro da mesi e mesi. Alla famiglia di Costantino Ciavarella e all’intera comunità di San Nicandro giunga la vicinanza mia  personale e dell’intera Giunta Regionale”. 

Costantino Ciavarella - lo ricorda infine il direttore generale dell'Asl Fg Vito Piazzolla - era una persona onesta e perbene, un medico serio e irreprensibile sul lavoro e un sindaco attento alle esigenze dei cittadini. Insieme abbiamo lavorato per offrire un servizio più efficiente ed efficace alla comunità che amministrava con responsabilità e impegno istituzionale. Siamo vicini alla moglie Lucia, al figlio Matteo, a tutti i suoi familiari e ai cittadini di San Nicandro Garganico che hanno perso una persona cara, un amico e una guida”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus: dieci 'camici bianchi' morti in Puglia. Costantino Ciavarella l'ultimo caduto: "Uno stillicidio continuo"

FoggiaToday è in caricamento