rotate-mobile
Cronaca Lucera

"Ha lottato ma non ce l'ha fatta", morto brigadiere capo positivo al Coronavirus: "Era una persona umile e gentile"

Lucera e San Severo piangono la dipartita di Claudio Santoro, brigadiere capo dell'Arma dei Carabinieri deceduto ieri presso il Policlinico Riuniti di Foggia

"Ha lottato ma non ce l'ha fatta", il brigadiere capo originario di San Severo in servizio presso la compagnia dell'arma dei carabinieri a Lucera, deceduto nella tarda serata di ieri presso il Policlinico Riuniti di Foggia. Positivo al Coronavirus, aveva 57 anni.

"Chi lo conosceva lo apprezzava per la sua gentilezza e disponibilità" il commento del sindaco Antonio Tutolo, che a nome della città e dei lucerini tutti ha porto le condoglianze alla comunità della città dell'Alto Tavoliere, alla famiglia, all'arma dei carabinieri e alla compagnia di Lucera.

"Condoglianze alla famiglia Santoro. Sono triste ed addolorato" il commento del primo cittadino di San Severo, Francesco Miglio.

"Una bruttissima notizia. Ci siamo conosciuti quando Claudio prestava servizio al comando stazione di Amendola. Abbiamo collaborato in servizio di vigilanza e scorte. Non ci siamo più persi di vista. Un uomo e un carabiniere apprezzato per la sua disponibilità e professionalità"

"Ho avuto il piacere e l'onore di conoscerlo, una brava persona"

"Persona umile e gentile"

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ha lottato ma non ce l'ha fatta", morto brigadiere capo positivo al Coronavirus: "Era una persona umile e gentile"

FoggiaToday è in caricamento