Lunedì, 27 Settembre 2021
Cronaca

Coronavirus, positivi e ricoverati in aumento: la Puglia al limite della soglia critica per le terapie intensive

Scende il numero delle regioni sotto la soglia critica di posti letto occupati in terapia intensiva. Anche la Puglia, sempre sotto la soglia negli ultimi 15 giorni, ha toccato nuovamente il 30%, mentre è al 34% il dato dei posti letto in area non critica

I numeri parlano chiaro: la situazione epidemiologica in Italia è in peggioramento, seppur ancora in forma lieve. Lo evidenzia il numero dei contagi, in costante aumento (il tasso di positività registrato ieri è stato del 7,7%), ma anche quello dei ricoveri nei reparti covid e nelle terapie intensive. Scenario analogo anche nella regione Puglia, dove negli ultimi due giorni il tasso di positività (ovvero il rapporto tra tamponi processati e le positività individuate) è stato del 13,7% e 13,5%. 

In Italia, nella giornata di ieri, si sono registrati 13.114 nuovi contagi, pochi rispetto a domenica (17.455), ma di più in relazione ai tamponi effettuati (oltre 87mila in meno), con un incremento di 58 unità nelle terapie intensive e 474 negli altri reparti. 

All'aumento dei casi non corriponde lo stesso numero di guarigioni, ecco perché in quasi tutte le regioni-province autonome la variazione dei positivi rispetto a una settimana fa presenta dati preoccupanti: soltanto Sicilia, Sardegna, Umbria, Provincia autonoma di Bolzano e Calabria presentano il segno meno nel raffronto tra i positivi di una settimana fa e quelli registrati ieri. E solo nel caso della Sicilia si può parlare di una variazione considerevole (-3.186 casi). Anche la Puglia, dove nelle ultime settimane si era registrato un drastico calo dei casi attivi, il numero ha ripreso a crescere. Secondo il bollettino diramato ieri dalla Regione, sono 32.692 le persone attualmente positive, 267 in più rispetto allo scorso 23 febbraio. La Puglia è attualmente la quinta regione per numero di casi attivi. In cima ci sono Campania, Lombardia ed Emilia Romagna, le regioni nelle quali si riscontra un vigoroso aumento dei positivi (6.701 in Campania, 11.633 in Lombardia, 7.762 in Emilia Romagna). 

aEXt5-casi-attualmente-positivi-in-italia--2

In una settimana è aumentata anche la pressione sugli ospedali. Sono ben 10 le regioni con una soglia pari o superiore al 30%, per quanto riguarda i posti letto occupati in terapia intensiva. Se l'Umbria, ormai, da settimane ha le percentuali più alte, preoccupa il Molise, salito al 44%. Anche la Puglia, sempre sotto la soglia negli ultimi 15 giorni, ha toccato nuovamente il 30%, mentre è al 34% il dato dei posti letto in area non critica. Attualmente è la Sardegna, con il 13% in area non critica e il 9% in terapia intensiva, a presentare le percentuali più basse. 

Ricoverati in terapia intensiva e area non critica rispetto ai posti letto disponibili-3

A livello provinciale, in Puglia galoppano i contagi soprattutto nelle province di Bari e Taranto, dove l'incidenza cumulata per abitanti è salita rispettivamente a 452,5 e 375. La Capitanata resta la provincia con il dato più alto (476.0), ma il gap rispetto alle altre province si sta progressivamente assottigliando. Anche la Bat ha superato quota 400. Per quel che concerne lo stato clinico dei positivi il 63,6% è asintomatico, il 25,9% paucisintomatico, l'8,1% lieve, l'1,9% severo. L'età mediana dei casi è di 56 anni: il 43,9% dei quali si sono riscontrati nella fascia d'età tra i 19 e i 50 anni. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, positivi e ricoverati in aumento: la Puglia al limite della soglia critica per le terapie intensive

FoggiaToday è in caricamento