menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, l'ipotesi seconda ondata non va esclusa. Lopalco: "È il momento di investire sulla prevenzione"

Il responsabile coordinamento emergenze ribadisce l'importanza di mantenere alta la guardia: "Non si parla abbastanza di prevenzione.Se i focolai dovessero aumentare e in una stessa arena ne dovessero partire 10 o 20 contemporaneamente, il sistema andrebbe in tilt"

Mentre il coronavirus in Puglia e in gran parte della Penisola continua a regredire, negli ultimi giorni sono in tanti a porsi il medesimo interrogativo: ci sarà una nuova ondata dopo l'estate? 

Sul caso il responsabile della task force della Regione Puglia Pier Luigi Lopalco è stato chiaro: "Non lo possiamo sapere, ma sulla base di questa incertezza l'unica cosa che possiamo fare è prepararci a una eventuale seconda ondata, senza restare fermi", ha dichiarato a FoggiaToday nei giorni scorsi. 

Ed è proprio sul concetto di prevenzione che l'epidemiologo continua a puntare. L'ipotesi che il Coronavirus si comporti come tutte le altre infezioni respiratorie, ovvero, riprenda forza in autunno-inverno con una intensità pari a quella della prima ondata, non è da scartare. Ma lo si può affrontare: "Succederà lo stesso in Italia? No, se la preveniamo. È questo il concetto più difficile da far passare. Questo è il momento della prevenzione. Ovvero, delle azioni finalizzate a che qualcosa non avvenga", spiega l'epidemiologo sulla sua pagina Facebook.

"La prevenzione non si fa in automatico, ha bisogno di strategia, pianificazione, personale e risorse strumentali". Lopalco ribadisce anche l'importanza di non abbassare la guardia in un momento in cui la circolazione del virus sia piuttosto bassa: "Non vuol dire che possiamo permetterci di far finta di niente. Oggi spegnere un focolaio è relativamente semplice. Le donne e gli uomini dei dipartimenti di prevenzione sanno bene come farlo. Ma se i focolai dovessero aumentare e in una stessa arena ne dovessero partire 10 o 20 contemporaneamente, il sistema andrebbe in tilt. È il momento degli investimenti in prevenzione. E non mi sembra se ne stia parlando abbastanza".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La strega comanda color color...rosso!

Attualità

Il Governo reintroduce la zona gialla e riapre le attività all'aperto. Il premier Draghi: "Rischio ragionato su dati in miglioramento"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento