rotate-mobile
Cronaca

Positivo in casa da 10 giorni con sintomi: non c'è posto in ospedale, impossibile fare una lastra ai polmoni a domicilio

Marito e moglie positivi al Covid a Foggia. Lei ricoverata da tre giorni. Lui da 10 con sintomi allettato in casa. La richiesta a un laboratorio privato di una radiografia ai polmoni a domicilio respinta: "Rischiamo che la Asl ci mette in quarantena"

E' positivo al Covid, ha sintomi forti - influenza, tosse e spossatezza - ma è allettato in casa da più di dieci giorni. 

Qualcuno potrebbe obiettare che non sia l'unico a trovarsi in questa terribile condizione e che è risaputo che non vi siano posti a sufficienza nelle strutture ospedaliere.

E infatti, la mancanza di posti letto, paradossalmente, sorprende molto meno dell'impossibilità per il contagiato di sottoporsi ad una radiografia ai polmoni, menchemeno a domicilio attraverso l'intervento di un laboratorio privato.

L'odissea che stanno vivendo due coniugi di Foggia - lei è ricoverata da tre giorni in ospedale - rende bene l'idea di quanto il sistema sanitario, nella fattispecie quello locale, si stia facendo trovare impreparato e fatichi a rispondere finanche alle richieste più semplici. 

Come ad esempio una radiografia ai polmoni. Ad oggi in provincia di Foggia un laboratorio privato non è nelle condizioni di svolgere il servizio a domicilio. O ancora meglio, per via dei protocolli anti-Covid, non viene messo nelle condizioni di svolgerlo.

Diventerebbe infatti troppo alto - quindi sconveniente - il rischio che la Asl intervenga in seconda battuta per mettere il personale in quarantena, compromettendone di fatto il prosieguo dell'attività, "nonostante adoperiamo tutti i dispositivi di protezione".

D'altronde, spiegano a Foggiatoday i vertici della struttura contattata dai familiari della persona infetta al Covid-19, "questa estate è già capitato di essere stati bloccati e messi in quarantena dopo un intervento su un positivo al Covid". 

Chi ci rimette è senza ombra di dubbio il "paziente", al quale, al danno del mancato ricovero per mancanza di posti letto, si aggiunge l'impossibilità di fare una radiografia ai polmoni e conoscere il reale stato di salute. 

Aumenta così, anche per i familiari, il timore che la situazione si aggravi. Non potendo, senza una diagnosi certa, ricorrere alle cure necessarie. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Positivo in casa da 10 giorni con sintomi: non c'è posto in ospedale, impossibile fare una lastra ai polmoni a domicilio

FoggiaToday è in caricamento