Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Primo giorno di Fase 2, bilancio positivo per le riaperture. Landella cauto: “Il virus è tra noi, vietato abbassare la guardia”

Il sindaco moderatamente soddisfatto dopo il primo giorno, “ma vanno apportati dei correttivi”. Loda l’attenzione dei cittadini e il senso di responsabilità degli ambulanti. Ma è vietato abbassare la guardia

 

Com’è andata il primo giorno di fase 2 a Foggia? È il sindaco Landella, ai microfoni di FoggiaToday, a tracciare un mini bilancio della prima giornata di convivenza con il virus. Il giudizio si concentra soprattutto sulle riaperture di cimitero, mercato di via Rosati e villa comunale ed è tutto sommato positivo. Non mancano le criticità (“vanno apportati dei correttivi”), ma chi si aspettava invasioni e violazioni di vario tipo, è stato smentito.

Il sindaco conferma l’appello già formulato stamattina: la fase 1 non si è arrestata, così come non si è fermata la corsa del virus, che è ancora vivo e vegeto. Oltre 100 i casi totali fin qui registrati nella città capoluogo, 30 dei quali ricoverati al policlinico ‘Riuniti’. Vietato abbassare la guardia, insomma, e soprattutto vietato abusare dell’allentamento delle restrizioni. Tuttavia, almeno per quel che concerne il mercato di via Rosati, il comportamento registrato dai foggiani è stato incoraggiante: “Ho notato un’attenzione dei cittadini e un grandissimo senso di responsabilità degli ambulanti. Vi è la consapevolezza che bisogna coniugare le esigenze economiche con quelle sanitarie”, ha dichiarato il primo cittadino.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento