menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
FOTO DI REPERTORIO

FOTO DI REPERTORIO

Task force contro la movida e gli assembramenti a Foggia. Vietato consumare alcol e cibo in luoghi pubblici e parchi

I cibi e le bevande potranno essere consumati all'interno e nei pressi delle attività. Ci sarà, inoltre, una task force delle forze di polizia dedicata ai controlli nei luoghi di ritrovo serali, soprattutto nei week end e durante il ponte del 2 giugno.

Il sindaco di Foggia Franco Landella emanerà a breve un'ordinanza con la quale vieterà il consumo di alimenti e bevande, in qualsiasi contenitore, in parchi e luoghi pubblici. "Si tratta di un provvedimento adottato per non far risalire la curva dei contagi da Covid-19, perché il virus non è sparito e non possiamo permetterci il lusso di rischiare di avere altri focolai e chiudere nuovamente molte attività, già allo stremo dopo due mesi di stop forzato".

Decisione presa durante il comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica svolto questa mattina in prefettura, "di concerto con il prefetto Grassi, con il questore Sirna, e con i comandanti provinciali dell'arma dei carabinieri e della guardia di finanza, Lorenzon e Di Cagno" precisa il primo cittadino. "Gli assembramenti nei luoghi della movida che si sono registrati da Nord a Sud negli ultimi giorni non sono più tollerabili. Persone che non rispettano la distanza di sicurezza e che non indossano le mascherine di protezione possono vanificare gli sforzi fatti fino ad oggi da milioni di persone. È comprensibile la voglia di tornare a socializzare dopo due mesi di clausura, ma i comportamenti irresponsabili rischiano di creare una nuova emergenza sanitaria e socio-economica".

I cibi e le bevande potranno essere consumati all'interno e nei pressi delle attività. Ci sarà, inoltre, una task force delle forze di polizia dedicata ai controlli nei luoghi di ritrovo serali, soprattutto nei week end e durante il ponte del 2 giugno. 

"Ci saremmo aspettati dal governo delle soluzioni efficaci rispetto a questa problematica che investe tutto il Paese. E non proposte da avanspettacolo come gli assistenti civici che non possono svolgere compiti di controllo. Di fatto si scaricano ancora una volta sulle spalle dei sindaci, che non possono trasformarsi in sceriffi o giustizieri della notte, compiti e responsabilità di natura governativa" conclude Landella.

Foto di repertorio

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Proprietà e benefici delle fave

Attualità

O la si salva o la si uccide

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento