Domenica, 20 Giugno 2021
Cronaca Centro - Piazza Giordano / Corso Cairoli

Fabio si esibisce di nuovo dal balcone, ma arrivano i carabinieri. Amaro sfogo dell'artista: "Volevo essere utile per la mia città"

Amaro sfogo di Fabio Graziani, artista foggiano che, dopo il successo del 'concerto in balcone' dello scorso 23 aprile, aveva pensato di concedere il bis ieri pomeriggio, 25 aprile. Ma questa volta, qualcosa è andato storto

Fabio Graziani

"Mentre in tutta Italia i vari artisti cercano di aiutare con la propria musica e il canto dai propri balconi, oggi (ieri per chi legge, ndr) si è verificato un evento increscioso, qualcuno si è preso la briga di segnalarmi ai carabinieri per farmi smettere di cantare".

Amaro sfogo di Fabio Graziani, artista foggiano che, dopo il successo del 'concerto in balcone' dello scorso 23 aprile, aveva pensato di concedere il bis ieri pomeriggio, 25 aprile. Così, dalle finestre di Corso Cairoli, a Foggia,  era ricominciata la musica, quella che solo due giorni prima aveva entusiasmato i foggiani (a giudicare dai like dei video della sua performace). Ma questa volta qualcosa è andato storto e qualcuno ha chiesto l'intervento degli uomini in divisa. "Mi scuso se a questo qualcuno abbia dato fastidio la mia voce, il mio intento era quello di essere utile per la mia città: celebrare questo giorno di liberazione nazionale, celebrare i medici e il personale sanitario con ciò che ho più a cuore, ovvero la musica", conclude.

"Voce meravigliosa". Fabio, il cantante misterioso che da un balcone di Corso Cairoli ha incantato Foggia in quarantena

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fabio si esibisce di nuovo dal balcone, ma arrivano i carabinieri. Amaro sfogo dell'artista: "Volevo essere utile per la mia città"

FoggiaToday è in caricamento