menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Coronavirus, dinamiche e canali di contagio: a Foggia più positivi (per numero di abitanti) di tutta la Puglia

La classifica dell'Unsic pone la provincia di Foggia al 65° posto (su 105), con un rapporto di 12 contagi ogni 10mila residenti. Tale analisi far emergere elementi utili a comprendere la diffusione del virus nel Paese

La provincia di Foggia al 65esimo posto per il numero di contagiati dal Coronavirus in rapporto alla popolazione residente. E' quanto emerge dall'analisi compiuta dall’Ufficio comunicazione dell’Unsic, associazione datoriale, sulla penetrazione del Covid-19 nelle regioni e nelle province italiane in percentuale al numero dei residenti.

In Puglia, Foggia si attesta al 65esimo posto con il rapporto più alto: 12 casi ogni 10mila residenti, mentre Bari è al 77esimo posto con un rapporto di 7, Brindisi si attesta al 75° posto con 8 casi ogni 10mila residenti, Lecce all'87° posto con un rapporto di 5 e Taranto al 93° con 4 casi ogni 10mila residenti.

Un lavoro che permette di far emergere alcuni elementi utili che possono contribuire alle analisi sulla diffusione del virus nel nostro Paese. Contrariamente a quanto immaginato (o immaginabile) non è la Lombardia, ma la Valle d’Aosta la regione italiana con il più alto tasso di contagiati in base al numero dei residenti. Ha 70 contagiati ogni 10mila abitanti. Dopo la Lombardia, a quota 56, spicca il Trentino-Alto Adige a quota 45, terzo posto. Ciò conferma il peso che ha avuto il turismo montano, specie di provenienza lombarda, nella diffusione del virus nelle località sciistiche delle due regioni a statuto autonomo.

Alcune regioni, soprattutto nel Centronord, presentano marcate differenze tra province. In Lombardia si va dai 127 contagiati per 10mila residenti di Cremona rispetto ai 18 di Varese; in Emilia-Romagna dai 106 di Piacenza ai 16 di Ferrara; in Friuli-Venezia Giulia dai 36 di Trieste ai 9 di Gorizia; nella Marche dai 58 di Pesaro-Urbino agli 11 di Ascoli Piceno. In altre, soprattutto nel Mezzogiorno, i dati sono abbastanza omogenei. Salvo qualche singolarità. 

Un altro elemento che si conferma è la netta frattura tra Nord e Sud. Analizzando i numeri dei contagiati, la Lombardia da sola ne conta oltre un terzo del totale nazionale, seguita da Emilia-Romagna e Piemonte, che nei giorni scorsi ha oltrepassato il Veneto in questa triste classifica. Queste quattro regioni registrano oltre due terzi di tutti i contagiati a livello nazionale. La loro distanza dal Mezzogiorno si conferma anche rapportando il dato ai residenti: se la popolosa Lombardia ha 56 contagiati ogni 10mila residenti, l’Emilia-Romagna 43, il Piemonte 35 e il Veneto 27, le regioni meno contagiate presentano numero diametralmente opposti: meno di cinque per Calabria e Sicilia, la Basilicata a quota 5,5, la Campania è intorno ai sei, la Puglia a sette, il Molise a otto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento