Anche a Carapelle c'è chi sfida il Coronavirus: chi va a spasso e chi rientra da altre regioni senza autocertificarsi

Ai cinque carapellesi sorpresi da polizia municipale e carabinieri è stata comminata un'ammenda per violazione dell’articolo 650 del codice penale

Immagine di repertorio

Cinque persone sorprese a Carapelle per aver violato le restrizioni imposte per il contenimento del contagio da Coronavirus.

A nulla sono valse le raccomandazioni del sindaco: la polizia municipale e i carabinieri del posto, infatti, hanno denunciato altri cinque cittadini, rei di non aver osservato le regole imposte dal Governo in materia di prevenzione sanitaria.

Alle cinque persone, che passeggiavano per il paese senza dover effettuare operazioni 'necessarie', è stata comminata un'ammenda per violazione dell’articolo 650 del codice penale.

Visto che si tratta di ammenda e non di multa, adesso i cinque carapellesi dovranno difendersi nelle sedi competenti perché colpiti da una sanzione penale. Ma l'attività degli uomini in divisa non si è fermata: sono state infatti identificate tre persone provenienti da fuori regione e che non avevano effettuato l'autodenuncia all'Asl di competenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolge e uccide 35enne, scappa ma telecamere e frammenti lo incastrano: arrestato per omicidio stradale

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

Torna su
FoggiaToday è in caricamento