Cronaca

"Bovino vive momenti di paura". 34 persone positive al Coronavirus nella Rsa. Il sindaco: "Il contagio non si spiega"

29 ospiti della RSA Il Girasole e cinque operatori sanitari positivi al Coronavirus. Il sindaco Vincenzo Nunno chiede ai cittadini di mantenere la calma: "Non spaventiamoci, ma rispettiamo le regole"

Foto anziani Il Girasole

"Bovino vive momenti di paura". Così il sindaco Vincenzo Nunno in merito ai 34 contagi della Rsa 'Il Girasole "fiore all'occhiello della nostra sanità locale", di cui 29 pazienti e cinque dipendenti. Secondo il primo cittadino "il contagio non si spiega", in quanto, precisa, "l'intera Rsa era sin dai primissimi giorni di marzo in autoquarantena".

Nel frattempo, rassicura il governatore locale, "gli operatori della struttura positivi sono stati messi in isolamento domiciliare sotto il controllo nostro e della Asl". E ancora, ha aggiunto Nunno, "controlleremo che restino nelle loro abitazioni e non vadano in giro"

Ai cittadini "che hanno scatenato allarmismo e confusione senza conoscere le problematiche", il sindaco ha detto di mantenere la calma e di non creare confusione, "perché danneggia la comunità e danneggia il lavoro dei soggetti coinvolti nelle operazione di emergenza"

"Una situazione delicata che ha bisogno della collaborazione di tutti per debellare il contagio in tutti i modi possibili.. Il Comune di Bovino, attraverso il Coc, si è adoperato immediatamente affinché tutte le persone della struttura avessero viveri, brandine e indumenti.

Infine l'appello ai bovinesi: "State a casa e non uscite senza giustificato motivo. Mantenete la calma, anche in passato il popolo bovinese ha sempre dimostrato di sapersi risollevare, dobbiamo avere solo tanta pazienza e calma. Non dobbiamo impaurirci dobbiamo rispettare le regole".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Bovino vive momenti di paura". 34 persone positive al Coronavirus nella Rsa. Il sindaco: "Il contagio non si spiega"

FoggiaToday è in caricamento