Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da Bucarest a Foggia per cercare la moglie che gli rubò tutto: Aurel, bloccato dal Coronavirus e dall'ictus che gli ha stravolto la vita

Un'altra storia che proviene dal dormitorio di via Carlo Baffi: Aurel, 67 anni, da Bucarest a Foggia con un ictus e una moglie che gli ha rubato tutto

 

La storia di Aurel inizia a Bucarest, capitale della Romania.

Lui è molto bravo a svolgere i lavori di giardinaggio e infatti si trasferì in campagna per poter lavorare e sopravvivere, insieme alla sua seconda moglie la quale, dopo due anni, decise che quella non era la vita che voleva fare e se ne ritornarono in città, a Bucarest. Dopo un po' decisero di cercare fortuna nella Capitale italiana e partirono alla volta di Roma.

Dopo 3 settimane che erano in Italia, sua moglie gli rubò tutti i suoi averi e sparì. Aurel venne quindi a cercarla a Foggia ma inutilmente, però qui trovò un lavoro e due cani che gli facevano compagnia, prese quindi un piccolo appartamento dove vivere. E ci rimase 12 anni in quell'appartamento. Finché, tre anni fa, Aurel ebbe un ictus che gli compromise parzialmente la mobilità e non riuscì più a lavorare.

Il proprietario di casa, non ricevendo più i soldi dell'affitto, lo buttò letteralmente fuori casa e lui si ritrovò per strada. Da allora vive grazie agli aiuti, della Caritas prima e del dormitorio dove adesso risiede. Purtroppo, si sfoga Aurel ai microfoni di FoggiaToday, non può nemmeno tenere delle forbici o un coltello in mano per la paura di cadere e ferirsi. Oggi Aurel passa le sue giornate al dormitorio allestito alla palestra 'Taralli', leggendo libri in attesa di poter prendere la pensione in Romania e potersene ritornare a vivere a Bucarest.

Invisibili e senza un posto per dormire, il Coronavirus porta a galla la verità: "C'è un bisogno imminente da risolvere"

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento