menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Accadia

Accadia

Il Coronavirus non risparmia neanche i Monti Dauni: c'è un caso positivo ad Accadia

Monti Dauni, caso di Covid-19 ad Accadia. Il sindaco Pasquale Murgante: "Vi ricordo di uscire una sola volta al giorno, una sola persona per famiglia, solo per necessità, e con i dovuti dispositivi di protezione individuale (mascherina e guanti)"

Dopo Orsara di Puglia, anche Accadia, borgo meraviglioso dei Monti Dauni al confine con l'Irpinia, si registra un caso di Covid-19. A darne l'ufficialità, dopo le notizie trapelate nel paesino foggiano e anticipate anche su Facebook da un consigliere comunale di minoranza, è stato il sindaco Pasquale Murgante, dispiaciuto per l'accaduto: "La famiglia è stata messa in regime di quarantena, e quindi vi invito a stare sereni e a non farvi sopraffare da emozioni negative come la paura"

Il primo cittadino ha cercato di rassicurare la cittadinanza, esortandola, allo stesso tempo, a rispettare con diligenza tutte le restrizioni in essere e ad intensificare gli sforzi, "che so essere già tanti per tutti voi, per evitare l’ulteriore diffusione e proteggere i nostri cari più fragili".

Murgante prosegue: "Come sindaco, sto lavorando con le autorità competenti a rafforzare i controlli sul territorio e a mettere in campo tutte le azioni necessarie per evitare spostamenti non necessari. A tal proposito, vi ricordo di uscire una sola volta al giorno, una sola persona per famiglia, solo per necessità, e con i dovuti dispositivi di protezione individuale (mascherina e guanti)".

E ancora, "comprendo l’ansia e la preoccupazione di questo momento, ma mi sento di rassicurarvi che se tutti rispettiamo le restrizioni e stiamo a casa, possiamo arginare la diffusione. Faccio appello al vostro senso di responsabilità e al fatto che siamo una comunità, dove solo con l’aiuto di tutti potremo farcela! Io resto a vostra disposizione come sindaco e medico, ma soprattutto come uomo che vive con voi momenti così difficili e gravi. Grazie della collaborazione, e mi raccomando stiamo a casa"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La storia di Giuseppe Sciarra, regista foggiano vittima di bullismo omofobico quando era bambino: "Per i miei coetanei me lo meritavo"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento