Scuola, rampa per disabili senza copertura: botta e risposta 'social' tra genitore e sindaco (intanto l'inverno è alle porte)

Il caso sollevato a Troia, dalla mamma di una ragazzina disabile: "Vorremmo evitare, che nostra figlia entri a scuola, nei giorni piovosi e ventosi, grondando acqua”. Il sindaco respinge le accuse: "Non si può fare"

La rampa posizionata a scuola

Botta e risposta social, a Troia, tra la mamma di una ragazzina con disabilità e il sindaco Leonardo Cavalieri. Oggetto della disputa, la mancata realizzazione di una copertura sulla rampa disabili situata all'ingresso della scuola media cittadina, per difendere i fruitori dalle intemperie.

“Oggi, 22 ottobre, per la mia famiglia si aggiunge un nuovo anniversario da celebrare: l'anniversario della consapevolezza di essere invisibili”, annuncia la donna. “Oggi possiamo festeggiare perché possiamo finalmente affermare che, dopo esattamente un anno dall'inoltro formale, con successivi solleciti, di una garbata richiesta, motivata da una oggettiva necessità, per gli organi a ciò preposti non solo siamo invisibili ma non siamo neppure ritenuti degni, come cittadini, di ricevere una risposta scritta con opportune spiegazioni”, denuncia.

“Come spesso è accaduto anche questa volta veniamo ignorati o forse, più semplicemente, qualcuno ritiene che vogliamo coltivare il nostro orticello. La nostra colpa? Aver fatto richiesta di una copertura per l'esistente rampa disabili delle scuole medie con relativo posto macchina dedicato. Motivo? Evitare, durante il periodo invernale, che nostra figlia entri a scuola, nei giorni piovosi e ventosi, grondando acqua”, motiva.

“Risultato? Dopo aver atteso anche che arrivasse la bella stagione nella speranza che si provvedesse ad una qualche soluzione, siamo ancora al punto di partenza, anzi no! Peggio. Perché ad oggi, sono consapevole che chi dovrebbe aiutarci ci ignora completamente, ci considera evidentemente come la proverbiale palla al piede. Oggi peggio perché la speranza che una richiesta legittima, motivata da esigenze reali, venisse presa in considerazione con doveroso rispetto, è andata a farsi benedire tanto da portarmi a mettere in piazza problemi personali calpestando la mia dignità e soprattutto quella di mia figlia”, conclude la donna nel suo sfogo.

Le sue parole hanno avuto una celere replica da parte del primo cittadino: “Non nascondo che ne sono amareggiato, perché le sue sono accuse gratuite e infondate. Non permetto a nessuno di accusare il Comune, con i suoi dipendenti e amministratori, e da me rappresentato in qualità di sindaco, di “ignorare” le richieste avanzate dai cittadini. Lei sa molto bene che alle sue richieste abbiamo cercato di dare, celermente, risposte. E sa anche molto bene che la copertura della rampa di accesso alla scuola, onde evitare disagi, non è realizzabile per un semplice motivo oggettivo: una tettoia ostruirebbe le finestre che si affacciano sulla rampa stessa, e comprometterebbe la fruibilità degli spazi interni", spiega il sindaco.

Sul discorso parcheggio, invece, il sindaco replica: "Lei, signora, chiede un posto auto per diversamente abili coperto e raccordato con la rampa. Alla luce di quanto spiegato, non è possibile realizzarlo, ma mi conforta sapere che nei pressi della rampa c’è spazio per il parcheggio. Se qualcuno le ha impedito, o vietato l’accesso e il parcheggio dell’auto la prego di segnalarmelo", continua Cavalieri. "A proposito di insensibilità, di dignità, credo che uno degli esempi migliori per quel che riguarda la considerazione a cui hanno diritto i cittadini disabili sia quanto fatto nelle scuole elementari Salandra. Concludo questo post con una informazione relativa alla richiesta di servizi per disabili nella palestra comunale: si sta lavorando al rifacimento della pavimentazione della struttura, contestualmente saranno realizzati servizi igienici dedicati a portatori di handicap. Valgono, come sempre, i fatti e non le parole", conclude il primo cittadino. Intanto, la scuola è ricominciata, l'inverno è alle porte. E i fruitori della rampa per disabili della scuola attendono.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

  • Spaventoso incidente in via Castiglione: ragazza abbatte tubo del gas e si schianta contro una farmacia agricola

Torna su
FoggiaToday è in caricamento