rotate-mobile
Cronaca

Pizzo (e minacce) a imprenditore e commerciante: in carcere gli uomini dei Moretti-Pellegrino

Convalidati i fermi nei confronti di Mario Salvatore Consalvo, Leonardo Ciavarella e Pasquale Nardella, ritenuti vicini al clan Moretti-Pellegrino-Lanza. Si cerca (all'estero) un quarto uomo. Contestata l'aggravante mafiosa

Convalidati i fermi di polizia per i tre foggiani coinvolti nell'operazione antimafia dello scorso lunedì, e accusati di tentata estorsione in danno di un commerciante e di un imprenditore edile della città.

Il gip ha convalidato l'arresto per Mario Salvatore Consalvo, Leonardo Ciavarella e Pasquale Nardella, ritenuti dagli inquirenti vicini al clan Moretti-Pellegrino-Lanza, mentre un quarto uomo è ancora attivamente ricercato all'estero con la stessa accusa. Come riporta l'Ansa, durante l'udienza di convalida i tre si sono dichiarati innocenti e si sono avvalsi della facoltà di non rispondere. 

Operazione antimafia, fermi per estorsioni e sequestri di armi e bombe: le immagini del blitz

Ciavarella e Nardella, secondo l'accusa, avrebbero tentato di estorcere 5mila euro a un commerciante già vittima di richieste estorsive da parte di Rocco Moretti junior, nipote del boss, arrestato nel febbraio scorso. Consalvo e l'uomo ricercato, invece, avrebbero tentato di estorcere 100mila euro ad un imprenditore edile della città minacciandolo al telefono: "Prepara 100mila euro altrimenti vedi che ti succede". A sostenere le indagini degli inquirenti, vi sarebbero anche le dichiarazioni del pentito Carlo Verderosa, un tempo legato proprio al clan Moretti. Contestata l'aggravante mafiosa.

Bombe ed estorsioni a Foggia, la 'lettura' di Volpe: "Mafia in crisi di liquidità, attentati come reazione scomposta"

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pizzo (e minacce) a imprenditore e commerciante: in carcere gli uomini dei Moretti-Pellegrino

FoggiaToday è in caricamento