Cronaca

Lavoro nero, pugno di ferro nel settore agricolo: controllate 62 aziende in tutta la Capitanata

I controlli in aziende di Foggia, Cerignola e Manfredonia. I carabinieri,con l’ausilio degli uomini del NIL, Nucleo Ispettorato del Lavoro, hanno elevato sanzioni per complessivi 149.600 euro

I carabinieri del Comando provinciale di Foggia, con l’ausilio del NIL, Nucleo Ispettorato del Lavoro, hanno effettuato, nei giorni scorsi, specifici servizi finalizzati al contrasto del lavoro sommerso e dell’intermediazione illecita.

L’attività ha interessato il settore agricolo. Sono state controllate 62 aziende, elevando sanzioni per complessivi 149.600 euro. I militari hanno segnalato alla competente autorità amministrativa due titolari di ditte per la lavorazione di prodotti agricoli di Cerignola, poiché avevano impiegato rispettivamente 5 e 18 lavoratori irregolari non risultanti nelle scritture o in alcuna documentazione obbligatoria.

A carico degli stessi sono state elevate le sanzioni amministrative di 22.000 euro e 79.200 euro. Inoltre è stato emesso il provvedimento di sospensione dell’attività lavorativa fino ad avvenuta regolarizzazione. I carabinieri hanno riscontrato altri illeciti in due aziende agricole di Manfredonia che impiegavano lavoratori non regolarmente assunti (un solo lavoratore in una e dieci nell’altra), comminando multe rispettivamente per 4.400 euro e 44.000.

In un terzo caso, sempre a Manfredonia, la titolare di un’azienda agricola di nazionalità rumena è stata deferita all’autorità giudiziaria per aver impiegato un lavoratore non regolarmente assunto e senza rispettare la prevista normativa in materia di sicurezza. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoro nero, pugno di ferro nel settore agricolo: controllate 62 aziende in tutta la Capitanata

FoggiaToday è in caricamento