menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mafia 'Società Foggiana': 25 condanne e imputati dovranno risarcire l'associazione 'Panunzio'

Il presidente Dimistri Cavallaro Lioi: "Il nome di Giovanni Panunzio è tornato a risuonare in un'aula di giustizia, per chiedere agli imputati, se saranno condannati in via definitiva, il risarcimento dei danni per le loro gravi condotte descritte nei numerosi capi di imputazione"

'DecimaAzione' contro la mafia del racket a Foggia, condannati in primo grado alcuni esponenti della mafia foggiana per estorsione, previsto il risarcimento per l’associazione antimafia intitolata a Giovanni Panunzio.

Il giudice dell'udienza preliminare del Tribunale di Bari ha condannato, in primo grado e con rito abbreviato, alcuni tra i più noti esponenti delle consorterie mafiose di Foggia, per svariati reati riconducibili, soprattutto, a condotte di estorsione in contesto mafioso.

Nel processo avanti al gup di Bari, l'associazione intitolata a Giovanni Panunzio, ucciso nel 1992 per essersi ribellato al racket mafioso e per aver denunciato i propri estorsori, si è costituita quale parte civile con l'avvocato Mario Aiezza del Foro di Foggia. Il giudice ha condannato gli imputati ritenuti responsabili dei reati a loro ascritti al risarcimento del danno a favore dell’associazione e delle altre parti civili, da determinare in separata sede avanti al giudice civile competente.

“Tenendo conto del fatto che si tratta di una condanna di primo grado, non definitiva e per la quale presumibilmente i condannati ricorreranno in Appello, nel momento in cui le condanne dovessero essere confermate procederemo celermente con il nostro legale a citare in giudizio i soggetti condannati avanti al Giudice civile, per ottenere da loro il risarcimento che spetta alla nostra Associazione”, si legge in una nota stampa dell’associazione ‘Giovanni Panunzio – Eguaglianza Legalità Diritti’.

“Questo traguardo lascerebbe il segno: dai tempi del processo Panunzio che, nel 1994, condannando i mandanti dell'omicidio dell'imprenditore edile certificò la presenza della mafia a Foggia, il nome di Giovanni Panunzio è tornato e tornerà ancora a risuonare in un'aula di giustizia, per chiedere agli imputati, se saranno condannati in via definitiva, il risarcimento dei danni per le loro gravi condotte descritte nei numerosi capi di imputazione”, sottolinea il presidente Dimitri Cavallaro Lioi.

“La memoria di Giovanni Panunzio vive e opera ancora oggi, non come sterile commemorazione, ma come parte attiva nella lotta contro la mafia, spronandoci a non arretrare mai di fronte alla prevaricazione mafiosa, spronando gli stessi imprenditori taglieggiati a reagire, a vincere la paura, a denunciare e a costituirsi insieme a noi e alle Istituzioni nei processi che li vedono come vittime. Perché noi tutte e tutti insieme siamo più forti, possiamo sconfiggere la mafia e oggi non si è più soli come un tempo. Ringraziamo pubblicamente l’avvocato Mario Aiezza per aver assunto il patrocinio della nostra associazione, in un processo così rilevante per l'intera comunità foggiana, e per il suo operato professionale”.

“Non si può mai esultare o essere soddisfatti dinanzi ad una pronuncia, seppure ancora di primo grado, che irroga pene restrittive della libertà personale così elevate”, spiega Aiezza, entrando negli aspetti più tecnici della sentenza. “Si può, però, registrare con estremo favore il riconosciuto diritto al risarcimento del danno anche nei confronti dell'Associazione intitolata a Giovanni Panunzio, che ho rappresentato in questo processo, e al contempo evidenziare come questa pronuncia di primo grado, seppure in attesa delle motivazioni, ribadisca la sussistenza di un sodalizio criminale nel nostro territorio”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento