Sabato, 19 Giugno 2021
Cronaca Immacolata / Via Molfetta

Bomba allo studio del perito assicurativo: inflitti 6 anni a mandante ed esecutore

E' quanto deciso dal gup del Tribunale di Foggia che ha condannato a 3 anni e 4 mesi il 26enne Francesco De Stefano (ritenuto mandante), e a 2 anni e  8 mesi di reclusione il 50enne Antonio Consalvo (esecutore materiale)

Immagine di repertorio

Scattano le condanne per i due foggiani ritenuti rispettivamente mandante ed esecutore materiale dell’attentato dinamitardo in danno dello studio di un perito assicurativo, in via Molfetta, a Foggia.

Perito assicurativo nel mirino: "E' stata una giornataccia" 

All’esito del processo, celebrato con rito abbreviato dinanzi al Gup del Tribunale di Foggia, i due uomini - Francesco De Stefano, di 26 anni e Antonio Consalvo, di 50 - sono stati condannati alla pena di 3 anni e 4 mesi il primo e 2 anni e  8 mesi di reclusione il secondo. Il fatto risale alla sera del 18 novembre scorso quando, poco dopo le 22, un boato fortissimo aveva interrotto la quiete del lockdown. Nella deflagrazione - oltre ai danni alla saracinesca e al gradino dell'ingresso - avevano riportato danni anche due autovetture parcheggiate a pochi metri dal luogo dell'esplosione.

I due furono individuati e arrestati dai carabinieri nel marzo scorso, con l’accusa di danneggiamento aggravato, detenzione e porto illegali di un ordigno esplosivo. Per gli inquirenti, sarebbe stato De Stefano ad ‘ordinare’ l’attentato, mentre Consalvo fu colui che materialmente posizionò l’ordigno. Le telecamere della zona, infatti, lo hanno ripreso mentre si allontanava dallo studio professionale esattamente 3 secondi prima dell’esplosione (rischiando seriamente di essere investito dall’onda d’urto).

VIDEO | Le immagini dell'esplosione

Grazie ad altri ‘occhi elettronici’ posizionati lungo le strade limitrofe, e al sapiente lavoro messa a sistema delle informazioni, i carabinieri sono riusciti a ricostruire i percorsi dell’uomo prima e dopo l’atto dinamitardo arrivando a De Stefano. Quest’ultimo, è emerso, aveva contattato il perito per un incidente avvenuto a San Severo, pratica che il professionista aveva rifiutato per questioni di competenza territoriale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bomba allo studio del perito assicurativo: inflitti 6 anni a mandante ed esecutore

FoggiaToday è in caricamento