Marijuana da essiccare in casa, 40enne giudicato per direttissima: condannato a 2 anni (pena sospesa)

L'uomo era stato arrestato dai carabinieri di Melfi, che lo avevano sorpreso con un quantitativo di stupefacente pari a 900 dosi giornaliere. Condannato con pena sospesa, il 40enne di origine ucraina è ora libero, non gravato da alcuna misura

Immagine di repertorio

E’ stato condannato a 2 di reclusione (con pena sospesa, quindi libero e non gravato da alcuna misura cautelare), Viktor Khomiak, 40enne di origine ucraina e residente ad Ascoli Satriano, giudicato ieri mattina, per direttissima, dinanzi al giudice del Tribunale di Foggia.

L’uomo, difeso dall’avvocato di fiducia Potito Marucci, del Foro di Foggia, era stato arrestato dai carabinieri di Melfi, in flagranza di reato, perché trovato in possesso di 322,3 grammi di marijuana contenenti 23,73 grammi di principio attivo puro (pari a 949 dosi medie giornaliere). Lo stupefacente sequestrato era sistemato in una apposita stanza, al piano superiore della sua abitazione, adibita all’essiccazione della sostanza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

  • Coronavirus: 30 morti e un contagiato su quattro in Puglia. I nuovi positivi sono 1100 su appena 4100 tamponi

  • Qualità della Vita, Foggia sprofonda all'ultimo posto: ItaliaOggi premia Pordenone

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Addio al dott. Michele Urbano, la Capitanata piange la scomparsa di un professionista "serio e laborioso"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento