menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bomba al 'Sorriso di Stefano' di Vigilante: riconosciuta l'aggravante della mafiosità, autore condannato a sei anni

La decisione del gup di Bari Anglana, al termine del processo con rito abbreviato. Luigi Cuomo, presidente nazionale di Sos Impresa Rete per la Legalità: "Ora confidiamo nella rapida individuazione dei mandanti"

"Una condanna a 6 anni, più di quanto aveva chiesto il Pm, per gli attentati dinamitardi a Foggia del novembre 2019 e del gennaio 2020. Una sentenza che dimostra la presenza dello Stato al fianco delle vittime”.

Così Luigi Cuomo, presidente nazionale di Sos Impresa Rete per la Legalità Aps commenta la sentenza emessa dal gup di Bari, Giovanni Anglana, a carico del 32enne Erjon Rameta per gli attentanti dinamitardi messi a segno a Foggia, per i quali è stata riconsciuta l'aggravante della  mafiosità.

“In questi mesi - continua Cuomo - abbiamo assistito tutti i danneggiati dell’evento dinamitardo che ha colpito la cooperativa 'Sanità Più' ed i suoi dirigenti il 3 ed il 16 gennaio 2020. Era inevitabile, quindi, che la nostra organizzazione nazionale chiedesse di costituirsi parte civile in questo processo”.

“Dopo questa pena esemplare per l’autore materiale reo confesso degli attentati, anche oltre la richiesta del PM, confidiamo nella rapida individuazione dei mandanti degli atti dinamitardi di natura estorsiva che hanno danneggiato le imprese ed i cittadini della capitanata nei mesi scorsi.  Continueremo - conclude il presidente di Sos Impresa - insieme alla nostra sede di Foggia, ad essere vicini alle vittime, ai cittadini e agli imprenditori che denunciano il racket, le intimidazioni e i danneggiamenti subiti”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La strega comanda color color...rosso!

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento