rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca

A 29 anni dall'omicidio Panunzio, la rivincita di Foggia sulla mafia: si firma la convenzione per il bene del Salice Nuovo confiscato

Doppia cerimonia di commemorazione, il 6 novembre. Interverranno i familiari dell'imprenditore ucciso e l'associazione che porta il suo nome, per omaggiare il suo sacrificio e sottolinearne il significato, attuale per la città di Foggia, anche con riferimento agli accadimenti degli ultimi mesi

Foggia non dimentica l'imprenditore Giovanni Panunzio, assassinato per mano della mafia foggiana, il 6 novembre del 1992, per aver detto 'no' al racket, per essersi ribellato alla mafia e aver denunciato i suo estorsori.

Nel 29esimo anniversario della morte, l'associazione 'Giovanni Panunzio – Eguaglianza Legalità Diritti' e la famiglia Panunzio si incontreranno alle 10 in piazza Giovanni Panunzio, di fronte alla stele eretta a suo ricordo, per una breve cerimonia di commemorazione.

Presente anche un rappresentante degli attuali commissari straordinari del Comune di Foggia, ai quali va il ringraziamento dell'associazione "per l'intitolazione proprio a Giovanni Panunzio del bene confiscato alla mafia in località Salice Nuovo.

Proprio il 6 novembre prossimo, come scelta fortemente simbolica da parte dell'Ente, verrà sottoscritta in Comune la convenzione per l'utilizzo a fini sociali del bene confiscato, a cura della cooperativa che se n'è aggiudicata la gestione secondo le procedure di legge", spiegano dall'associazione.

In serata, dalle 19, la giornata dedicata all'imprenditore foggiano si concluderà con la partecipazione alla funzione religiosa che si terrà presso la Basilica Cattedrale della Beata Maria Vergine Assunta in Cielo dell'Arcidiocesi di Foggia-Bovino in piazza Pericle Felici. Unitamente alla funzione religiosa vi sarà un percorso musicale a cura del coro dell'associazione 'Coro Dauno Umberto Giordano', del coro di Voci Bianche e del coro Giovanile e Polifonico diretti dal M° Luciano Fiore, accompagnati dal pianista M° Giuseppe Fabrizio, con alcuni interventi da parte della associazione e dei familiari di Panunzio in omaggio al sacrificio dell'imprenditore e al suo significato ancora attuale per la città di Foggia, anche con riferimento agli accadimenti degli ultimi mesi nella nostra città.

Foggia, i commissari danno un nome al bene confiscato alla mafia. La nuora di Panunzio: "E' il segno della vittoria dello Stato sulla malavita" 

"Lo scioglimento del Consiglio comunale di Foggia dello scorso mese di agosto, peraltro, costituisce l'occasione storica per un'ulteriore approfondimento sul passato e il presente della presenza mafiosa in città e in Capitanata, passo ineludibile per la costruzione di un futuro senza il criminale mafioso", spiega in una nota stampa il presidente dell'associazione, Dimitri Cavallaro Lioi. "Per poter fare tutto questo occorre il coraggio di non soffermarsi alla superficie dei fenomeni e comprendere con lucidità cosa è avvenuto in questi ultimi trent'anni e come si è innervata la mafia foggiana nella nostra comunità, assurgendo ad elemento purtroppo strutturato e pervasivo".

"E' proprio al nucleo di questo potere feroce e sin troppo ramificato nei gangli decisionali del nostro territorio che vogliamo, con le nostre forze, prestare la massima analisi, attenzione e il nostro più forte contrasto, per arrivare al cuore del problema. Nel nome di Giovanni Panunzio, i cui mandanti ultimi del suo omicidio, a differenza dei suoi estorsori, al termine del processo per il suo omicidio non sono mai stati individuati con nome e cognome: essi erano e sono parte della mafia, mafia di potere, e non hanno avuto la giusta pena che sarebbe spettata a loro. Con questa consapevolezza continueremo il nostro percorso per la denuncia del male mafioso, ad oltranza".

Entrambe le iniziative si terranno in forma statica e nel rigoroso rispetto della normativa in materia di emergenza sanitaria da Sars-CoV-2.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A 29 anni dall'omicidio Panunzio, la rivincita di Foggia sulla mafia: si firma la convenzione per il bene del Salice Nuovo confiscato

FoggiaToday è in caricamento