Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca

Salvaguardia alberi: il Comitato dice stop alla potatura selvaggia

La protesta del Comitato: “La commistione tra chi taglia e chi smaltisce il legname andrebbe evitata per scongiurare che la modalità delle potature possa essere influenzata dall’interesse a ricavarne frutto”

Stop alla potatura selvaggia. E’ quanto affermato dal Comitato per la salvaguardia degli alberi e del verde di Foggia, che in una nota chiede l'immediata sospensione di tutti gli interventi di taglio e potatura degli alberi cittadini.

“Con la primavera ormai avviata la stragrande maggioranza degli alberi ha intrapreso lo sviluppo dell'apparato fogliare e interventi di potatura operati proprio in questo periodo possono determinare un indebolimento tale da impedire lo sviluppo di ulteriori gemme e foglie e conseguentemente la morte dell'albero”, affermano i membri del Comitato. “Le potature di questi giorni vanno inoltre a sommarsi ai tanti interventi, la maggior parte dei quali operati in maniera eccessiva e da mani chiaramente inesperte, attuati durante il periodo invernale ed i cui danni possono essere già notati passeggiando per la città. Molti degli olmi di via Luigi Pinto, letteralmente "scannati", non ancora sono stati in grado di produrre ramificazioni o gemme e questo potrebbe determinarne la morte”, accusano.

Stessa sorte, quella subita dai pini di via Achille Grandi. Le potature operate lo scorso anno hanno lasciato piccolissime “chiome”, decretando la morte di numerosi colossi. “Le modalità con le quali si stanno operando queste potature, in aggiunta al già grandissimo numero di alberi tagliati nelle scorse settimane, nutrono nei cittadini il sospetto che il materiale ottenuto con la potatura degli alberi possa costituire un elemento di maggior guadagno per le ditte impiegate”, evidenziano.

“La commistione tra chi taglia e chi tratta lo smaltimento di legname e ramaglie risultanti dalle potature andrebbe assolutamente evitata e ciò anche al fine di scongiurare il rischio che le modalità stesse delle potature possano essere influenzate dall'interesse a ricavarne abbondante frutto. Errore che si paventa sia stato commesso anche presso il bosco dell'Incoronata, ove la ditta che ha effettuato il taglio dei numerosissimi alberi abbattuti ha rilevato legna e ramaglie risultanti frutto di tali discutibili interventi, già oggetto di segnalazione effettuata dal Comitato agli uffici competenti”.

Senza una risposta del Comune, il Comitato promette di attuare iniziative di interposizione passiva “per scongiurare danni alla salute ed alla vita di alberi che una città come Foggia dovrebbe salvaguardare”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salvaguardia alberi: il Comitato dice stop alla potatura selvaggia

FoggiaToday è in caricamento