Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca Manfredonia

Il clan "Mussolino" incastrato e tradito dalle intercettazioni telefoniche

Sono otto gli arresti compiuti dai Carabinieri nell'ambito dell'operazione "Donia". Uno di loro è ricercato. Spigole e orate per definire la droga

Dopo il blitz dei Carabinieri effettuato sabato scorso nell'ambito dell'operazione "Donia" che ha portato all'arresto otto persone (una è ricercata), spuntano nuove indiscrezioni circa la natura e l'oggetto delle conversazioni intercettatte che hanno permesso di rendere concrete le ordinanze firmate dal GIP di Bari

Il clan di spacciatori dei Mussolino, riforniva anche liberi professionisti e studenti. I carabinieri venivano chiamati "power rangers", Spigole e orate rappresentavano la droga, dall'allevamento o di mare la qualità. I componenti del clan preferivano non parlare al telefono perchè temevano e forse sapevano di essere intercettati. Spesso però non riuscivano a trattenere le parole.

Nell'operazione è stato arrestato anche uno dei componenti della famiglia Romito, Mario di 43 anni, per aver violato la sorveglianza speciale. Ad incastrarlo sono state l'analisi delle intercettazioni e quelle delle celle telefoniche. Pare che Romito fosse solito spostarsi spesso dal centro sipontino per raggiungere la vicina Monte Sant'Angelo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il clan "Mussolino" incastrato e tradito dalle intercettazioni telefoniche

FoggiaToday è in caricamento