Sabato, 24 Luglio 2021
Cronaca Via Evangelista Torricelli

Chiuso il bar dell’IP: è frequentato da pluripregiudicati di notevole spessore criminale

Si tratta dell’attività commerciale del distributore IP di Cerignola di via Torricelli. Il convivente della titolare e suo fratello sono entrambi pregiudicati

I sigilli della polizia al bar

Ieri sera gli agenti della Polizia di Stato del commissariato di Cerignola e del Reparto Prevenzione Crimine, hanno notificato il decreto del Questore ai titolari del distributore IP di Cerignola Via Torricelli Km 1., con il quale sono state sospese per trenta giorni, ai sensi dell’art.100 T.U.L.P.S., le autorizzazioni per l’esercizio commerciale.

Nell’ambito dei servizi di controllo straordinario del territorio, con particolare attenzione agli esercizi pubblici, dall’aprile 2017 la stazione di servizio è stata controllata più volte dagli agenti del commissariato ofantino, durante i quali è emerso che l’attività è costantemente frequentata da pluripregiudicati della zona di notevole spessore criminale.

In particolare, durante un controllo effettuato da equipaggi dei Reparti Prevenzione Crimine il 9 novembre scorso, si è rivelato particolarmente complesso e pericoloso per gli uomini in divisa. Molti avventori dell’attività commerciale presenti dinanzi al bar, infatti, hanno tentato di darsi alla fuga ed altri hanno provato ad ostacolare in tutti i modi l’operato delle forze dell’ordine, mettendo in atto, sin dall’arrivo degli agenti, comportamenti atti ad evitare l’identificazione e permettere l’allontanamento della maggior parte delle persone presenti sul posto.

In particolare, il convivente della titolare dell’esercizio M.T., pluripregiudicato per reati contro il patrimonio e per stupefacenti, unitamente al fratello M.A. anch’egli pregiudicato di elevato spessore criminale, hanno tentato di ostacolare l’operato delle Forze dell’Ordine, incitando i presenti a sottrarsi ai controlli e ad allontanarsi con le proprie autovetture, tanto da costringere i poliziotti a prelevare materialmente le chiavi di un’auto per poter procedere al controllo dei due occupanti che, sulla scorta dell’incitamento dei predetti, hanno tentato di allontanarsi.  Inoltre, la titolare ha ceduto di fatto l’uso del proprio esercizio al convivente M.T. dimostrando – secondo la polizia - grave abuso delle licenze in suo possesso; peraltro, la coesistenza all’interno del locale di diverse attività – secondo la Questura - agevolerebbe la frequentazione di persone pregiudicate, come acclarato nei numerosi controlli.

L’ultimo controllo di polizia è stata inviata al Questore di Foggia, da parte del commissariato di Cerignola apposita proposta di sospensione dell’autorizzazione ritenendo che, per le suddette ragioni, la stazione di servizio  in questione rappresenti un grave rischio per l’ordine e la sicurezza pubblica, dovuta anche ad atti criminosi che possono coinvolgere comuni cittadini e avventori dell’esercizio pubblico in questione.

“Continuerà  a restare alta l’attenzione della Polizia di Stato in questa Provincia,  in particolare, nella zona del basso Tavoliere, in contrasto a gravi episodi di reato che impongono anche interventi  dell’Autorità Provinciale di Pubblica Sicurezza, a seguito di controlli di polizia amministrativa,  con i quali si cerca di prevenire che alcuni locali diventino ritrovi abituali di pregiudicati o luoghi in cui si commettono reati continuativamente.  E’ necessario un segnale forte e costante della presenza dello Stato in questo territorio; non sarà tollerata alcuna forma di illegalità e saranno contrastati efficacemente anche atteggiamenti ostili e minacciosi nei confronti delle Forze dell’Ordine”

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiuso il bar dell’IP: è frequentato da pluripregiudicati di notevole spessore criminale

FoggiaToday è in caricamento