Cerignola, riavviato impianto TMB: smaltite 700 tonnellate di rifiuti stoccate nell'ex interporto

Scongiurata l’emergenza igienico-sanitaria. L'impianto di contrada Forcone Cafiero, inoltre, tratterà per 45 giorni i rifiuti quotidianamente prodotti e raccolti nel centro ofantino

I rifiuti stoccati nell'area dell'ex interporto

Riavviato l’impianto TMB (trattamento meccanico-biologico) di Cerignola. Nel centro ofantino sono stati smaltiti i rifiuti abbancati nell’area ex Interporto e, per 45 giorni, tratterà i rifiuti indifferenziati prodotti e raccolti a Cerignola. 

Così come prescritto dall'ordinanza regionale del 3 agosto 2018, Aseco ha provveduto, lo scorso 14 agosto, al ripristino del funzionamento dell'impianto di trattamento meccanico biologico. Ciò ha permesso di scongiurare l’emergenza igienico-sanitaria e, quindi, di trattare le circa 700 tonnellate di rifiuti indifferenziati che erano state abbancate, in maniera ritenuta illegale dalla Procura della Repubblica, nell'area ex Interporto. L’operazione è stata portata a termine nella giornata di ieri. L'impianto di contrada Forcone Cafiero, inoltre, tratterà per 45 giorni i rifiuti quotidianamente prodotti e raccolti nel Comune di Cerignola. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

  • Coronavirus: 30 morti e un contagiato su quattro in Puglia. I nuovi positivi sono 1100 su appena 4100 tamponi

  • Qualità della Vita, Foggia sprofonda all'ultimo posto: ItaliaOggi premia Pordenone

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Addio al dott. Michele Urbano, la Capitanata piange la scomparsa di un professionista "serio e laborioso"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento