Pezzi di mezzi rubati nascosti in un ex mobilificio, blitz della Polizia: trovati anche 5 kg di fili di rame

Ulteriori accertamenti degli agenti nell'ex mobilificio già oggetto di un sequestro lo scorso 20 febbraio: trovati un sistema di video sorveglianza, 48 assali anteriori e posteriori per automezzi industriali leggeri e pesanti, 5 pedane caricatrici posteriori, di cui 1 per salita e discesa disabili da furgoni per trasporto persone; 13 cassoni per equipaggiamento autocarri industriali; 8 propulsori per autocarri di elevato valore commerciale

Nella giornata di ieri, gli agenti del Commissariato di Cerignola e del Reparto Prevenzione Crimine di San Severo e Bari, in seguito ad ulteriori accertamenti eseguiti  presso un ex mobilificio di Cerignola, ove nei giorni scorsi erano stati rinvenuti numerosi mezzi pesanti di provenienza furtiva, hanno rinvenuto e sequestrato un sistema di video sorveglianza, 48 assali anteriori e posteriori per automezzi industriali leggeri e pesanti, 5 pedane caricatrici posteriori, di cui 1 per salita e discesa disabili da furgoni per trasporto persone; 13 cassoni per equipaggiamento autocarri industriali; 8 propulsori per autocarri di elevato valore commerciale.

Sulla maggior parte dei componenti risultano asportati i riferimenti costruttivi. All’interno della cabina di uno dei mezzi, sono stati rinvenute anche tre matasse di fili di rame del peso di 5 kg. Il sequestro di tutto il materiale veniva eseguito a carico del soggetto cerignolano già oggetto di denuncia per riciclaggio e ricettazione di numerosi automezzi pesanti e componenti di essi, rinvenuti nel medesimo luogo in data 20 febbraio scorso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolge e uccide 35enne, scappa ma telecamere e frammenti lo incastrano: arrestato per omicidio stradale

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • "Mamma come l'ho combinato". Tutte le vittime della violenta 'Società Foggiana': "Qui le estorsioni devi pagarle a noi"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

Torna su
FoggiaToday è in caricamento