Si ribella all’arresto dei carabinieri, il giorno dopo evade dai domiciliari e va al bar a bere un caffè

I militari, giunti per prelevarlo e condurlo presso il Tribunale di Foggia per la convalida dell'arresto per resistenza a pubblico ufficiale, lo hanno sorpreso in un bar

Immagine di repertorio

A Stornara, i militari della locale Stazione hanno messo le manette ai polsi di Michele De Nittis, di 20 anni, giovane del posto con precedenti di polizia. Lo stesso, sorpreso con un modico quantitativo di hashish, risultato essere per uso personale, ha iniziato a inveire nei confronti dei militari, fino ad assumere atteggiamenti dapprima provocatori e poi violenti. Bloccato ed ammanettato, è stato sottoposto agli arresti domiciliari per il reato di resistenza a pubblico ufficiale.

Nella mattinata successiva, dovendo i militari accompagnare il De Nittis presso il Tribunale di Foggia per la celebrazione dell’udienza di convalida dell’arresto, sorprendevano il giovane all’interno di un bar a bere tranquillamente un caffè come se nulla fosse. Dichiarato nuovamente in stato di arresto per il reato di evasione, dopo il processo, veniva rinchiuso nel carcere di Foggia.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strage a Orta Nova, triplice omicidio e suicidio: spara e uccide moglie e due figlie di 13 e 18 anni, poi si toglie la vita

  • Mazzi di fiori, lacrime e dolore per Teresa, Miriana e Valentina (il Comune penserà ai funerali): città incredula per l'insano gesto di Ciro

  • Incredibile al carcere di Foggia, detenuto telefona ai carabinieri dalla cella: "Siamo al ridicolo"

  • Bus frena per evitare auto, donna cade e muore: due persone a giudizio per omicidio stradale

  • "Addio Costanzo", il dirigente medico del Pronto Soccorso sempre al servizio dei pazienti: "Era un professionista esemplare"

  • Ingerisce droga, neonata in coma a Foggia: "Monitoriamo parametri vitali, situazione stazionaria"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento