menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Stupefacente e materiale sequestrato

Stupefacente e materiale sequestrato

Nel garage nascondeva 120 grammi di coca purissima, vale 15mila euro: arrestato 49enne

Ci è ricascato il cerignolano Vito Colella. A seguito dell’udienza di convalida dell’arresto, per lui sono stati riconfermati gli arresti domiciliari, in attesa del processo che lo vedrà imputato per detenzione ai fini di spaccio

Ci è di nuovo ricascato, Vito Colella, 49enne pregiudicato cerignolano, arrestato ancora una volta dai carabinieri per detenzione ai fini di spaccio di cocaina. Da ultimo, infatti, era stato arrestato nell’aprile dell’anno passato quando, unitamente ad un complice, era stato sorpreso a cedere della cocaina ad un assuntore.

I carabinieri della Stazione di Cerignola, avendo appreso che Colella non aveva mai smesso la sua attività illecita, hanno iniziato a studiarne i movimenti, fino a quando, al termine di numerosi servizi di osservazione, non hanno individuato in un garage vicino alla sua abitazione il luogo dove deteneva le sue "scorte" di cocaina.

La scoperta si è rivelata corretta allorché, nei giorni scorsi, nel corso di una perquisizione presso la sua abitazione, i militari non hanno trovato le chiavi di quel garage, all’interno del quale hanno poi scoperto ben 120 grammi di cocaina, in parte già suddivisa in dosi e pronta per lo spaccio, ed in parte, quella più consistente, ancora in pietra, e quindi ancora da “tagliare”, processo mediante il quale la quantità delle dosi da vendere sarebbe quantomeno raddoppiato.

Lo stupefacente, del valore stimato intorno ai 15.000 euro, è quindi stato posto sotto sequestro unitamente a due bilancini di precisione e a 500 euro, sulla cui provenienza Colella, che non svolge alcuna attività lavorativa, non ha saputo dare alcuna spiegazione. L'uomo, invece, su disposizione del P.M. di turno, è stato sottoposto agli arresti domiciliari. A seguito dell’udienza di convalida dell’arresto, celebrata nella giornata di ieri, per lui sono stati riconfermati gli arresti domiciliari, in attesa che ci sia il processo che lo vedrà imputato per il reato di detenzione ai fini di spaccio di cocaina.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Puglia in bilico tra il giallo e l'arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento