rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Cronaca Cerignola

Minacce di morte e aggressioni alla moglie, costretta a rifugiarsi dai parenti: i carabinieri arrestano 41enne

È accaduto a Cerignola. La donna si era rifugiata, stanca delle continue vessazioni e umiliazioni subite dal marito, con il quale era in fase di separazione. Sull'uomo è stato applicato l'obbligo di allontanamento dalla casa familiare e il divieto di avvicinamento alla donna

A Cerignola i carabinieri hanno arrestato in flagranza per maltrattamenti in famiglia un 41enne del posto. 

L'uomo aveva intimato alla moglie di tornare a casa la moglie, con la quale era in fase di separazione, dopo che quest'ultima si era rifugiata a casa di parenti, stanca delle continue vessazioni e umiliazioni subite per opera del marito. 

Ai militari intervenuti, che hanno raccolto varie testimonianze, la vittima ha infatti raccontato delle continue aggressioni e delle minacce di morte subite, che l’avevano ridotta ad uno stato di assoluta impotenza e profonda costernazione. Il 41enne è stato quindi accompagnato in caserma e dichiarato in arresto. Dopo le formalità di rito, su disposizione della Autorità Giudiziaria, è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

Convalidato l’arresto, il Gip del Tribunale di Foggia ha disposto nei confronti dell’arrestato l’applicazione della misura cautelare dell’obbligo di allontanamento dalla casa familiare, del divieto di avvicinamento alla persona offesa, di comunicare con la stessa con qualsiasi mezzo nonché l’obbligo di non allontanarsi dal Comune di residenza con divieto di allontanarsi dall’abitazione tra le 20.00 e le 7.00.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minacce di morte e aggressioni alla moglie, costretta a rifugiarsi dai parenti: i carabinieri arrestano 41enne

FoggiaToday è in caricamento