menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il materiale sequestrato

Il materiale sequestrato

"Cercate coca?", ma erano carabinieri in borghese: due arresti nel "fortino" del clan Taddone

Due giovani arrestati dai carabinieri nel "sorvegliatissimo" quartiere San Samuele: ai domiciliari Donato Lizzi, di 26 anni e Giuseppe Battaglino di 25. Sequestrate 42 dosi di cocaina, per un totale di 22 grammi circa

Spacciavano cocaina nel “fortino” del clan Taddone, a Cerignola: i carabinieri arrestano due pregiudicati e sequestrano 22 grammi di stupefacente. Nella tarda serata dello scorso martedì, infatti, i Carabinieri della Compagnia di Cerignola, in particolare quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile, durante un servizio di pattuglia finalizzato al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, hanno arrestato Donato Lizzi, di 26 anni e Giuseppe Battaglino di 25, entrambi pregiudicati cerignolani.

I militari, in abiti civili per non farsi notare, si sono "infiltrati" nel controllatissimo quartiere “San Samuele”, nota piazza di spaccio cittadina e fortino del clan “Taddone”, i cui maggiori esponenti sono stati tratti in arresto proprio nelle scorse settimane. Avendo notato un sospetto viavai nei parcheggi condominiali di alcuni palazzi, i carabinieri si sono avvicinati, mettendosi "in coda" ad altre autovetture in attesa, fino a che  i due malfattori si sono avvicinati offrendo loro di acquistare dello stupefacente.

Prima che i due pusher potessero rendersi conto di aver fatto la proposta a dei carabinieri, questi erano già scesi dall’auto e li avevano già bloccati, senza dar loro il tempo di tentare la fuga. Effettuata immediatamente una perquisizione personale, entrambi sono stati trovati in possesso di 42 dosi di cocaina, per un totale di 22 grammi circa, oltre che di 25 euro, certamente frutto della precedente cessione. Entrambi, quindi, sono stati dichiarati in arresto per detenzione ai fini di spaccio di cocaina e, su disposizione del PM di turno presso la Procura della Repubblica di Foggia, sottoposti agli arresti domiciliari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'impianto di compostaggio di San Severo si farà: ha vinto Saitef, il Consiglio di Stato certifica il 'pasticcio' del Comune

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento