menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La piantagione sequestrata

La piantagione sequestrata

I carabinieri 'fiutano' 7000 piante di cannabis indica: raccolto distrutto, in manette tre persone

Individuata la maxi-piantagione situata in agro di Cerignola, a confine con Trinitapoli e Zapponeta. In manette un cerignolano e due campani, tutti pregiudicati

Oltre 7000 piante di cannabis indica e 1,8 kg di marijuana già essiccata e pronta per lo smercio: è questo il quantitativo di stupefacente sequestrato martedì scorso dai carabinieri della Stazione di Trinitapoli in contrada “Giardino”, agro del comune di Cerignola.

In manette sono finiti tre pregiudicati, uno di Cerignola e due di Lettere, piccolo comune dei Monti Lattari in provincia di Napoli. Si tratta di Mario Bianchini, classe 1951, di Carmine Manzo, classe 1976 e Domenico Ruocco, classe '80, che sono finiti, così come disposto dal P.M. di turno presso la Procura della Repubblica di Foggia, tutti nel carcere del capoluogo.

Le indagini dei militari dell’Arma, da tempo alla ricerca della piantagione della quale avevano avuto notizia, hanno portato i carabinieri in un’area di aperta campagna, alla convergenza dei confini comunali di Cerignola, Trinitapoli e Zapponeta. I militari, individuata la piantagione, sono rimasti appostati per tutta la notte e per tutta la mattinata dell'altroieri, fino a quando, nel primo pomeriggio, non hanno visto arrivare i tre che, scesi dall'auto, si sono messi a discutere sul quando effettuare il raccolto e sul come commercializzare lo stupefacente.

Atteso il momento propizio, i militari sono usciti allo scoperto e, dopo averli circondati e bloccati, li hanno ammanettati, contestando loro i reati di produzione e detenzione ai fini di spaccio della marijuana. Continuano ora le indagini per comprendere i ruoli ricoperti dai tre, due dei quali provenienti da una zona della provincia di Napoli in cui molto spesso vengono individuate e sequestrate piantagioni simili. Tutto lo stupefacente, che avrebbe fruttato varie decine di migliaia di euro, è stato sequestrato e campionato per le successive analisi di laboratorio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento