Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca

Centro Palmisano: ok integrazione sociale di malati d’Alzheimer

In cinque sono stati accolti dagli altri anziani in modo positivo, riducendo quelle distanze che in molte occasioni rendono più difficile la convivenza quotidiana con la malattia

Dall’ottobre 2011 a tutto febbraio 2012 il centro Palmisano è stato sede di una importante sperimentazione di integrazione sociale di malati di Alzheimer, la prima in Puglia e tra le prime, se non proprio la prima, in Italia.

A fare il bilancio delle attività è stato il presidente dell’associazione “Alzheimer Italia S. Rita Foggia”, Vincenzo Cipriani, che, alla presenza dell’assessore alle Politiche Sociali del comune di Foggia Pasquale Pellegrino, ha voluto raccontare l’esperienza di questi mesi al centro polivalente di alcuni malati al primo stadio.

Il progetto ha dato la possibilità di confermare le aspettative. I cinque malati che hanno frequentato il Palmisano sono stati accolti dagli altri anziani in modo positivo, riducendo quelle distanze che in molte occasioni rendono più difficile la convivenza quotidiana con la malattia.

L’associazione S. Rita ha voluto evidenziare nell’incontro di presentazione del rapporto dell’esperienza come iniziative come quella realizzata al Palmisano devono essere considerate come un punto di partenza per una città che ospita più di ventimila anziani. Una sperimentazione che dovrebbe essere ripetuta.

Gli esperimenti sono utili per valutare nuove opportunità e quello dell’inserimento sociale dei malati di Alzheimer al Palmisano era una certezza di riuscita”, ha commentato l’assessore Pellegrino che poi ha aggiunto, “nel prossimo futuro cercheremo di dare seguito a questa importante iniziativa per cui dobbiamo ringraziare tutti gli ospiti ed il personale del Palmisano ed i soci dell’Alzheimer Santa Rita”.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centro Palmisano: ok integrazione sociale di malati d’Alzheimer

FoggiaToday è in caricamento