rotate-mobile
Cronaca

L'A109E, l'elicottero precipitato a Castelpagano e il test della procedura Pbn sulla Foggia-Tremiti

Quello precipitato lungo il tragitto Tremiti-Foggia con targa I-PIKI, è il Power. Il modello della Leonardo lo scorso anno ha compiuto 50 anni. Sta per essere sostituito da mezzi più performanti e di maggiori dimensioni, come l'AW169, a bordo del quale è stata testata e validata con successo la procedura Pbn

La mattina del 5 novembre le sette vittime dell’incidente a bordo dell'elicottero precipitato per cause in corso d'accertamento verosimilmente nel mezzo di una tempesta di pioggia, vento e nebbia, viaggiavano a bordo dell’A109E o AW109, l’elicottero polivalente a otto posti bi-turbina costruito in Italia da Leonardo e commercializzato già a partire dagli anni ‘70. La prima volta del primo prototipo in volo risale al 4 agosto 1971. 

Sul tragico accadimento indagano un ingegnere aeronautico e un pilota dell'Ansv e tre consulenti nominati dalla Procura di Foggia, un professore universitario, un colonnello ingegnere dell'Aeronautica e un colonnello pilota. Come ha evidenziato Ludovico Vaccaro nel corso della conferenza stampa dell'altroieri, l'elicottero guidato dal pilota e co-pilota Luigi Ippolito e Andrea Nardelli, non aveva una strumentazione radar, ma una strumentazione "che consente di navigare anche non a vista". Il team investigativo dell'Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo ha fatto sapere che non è dotato di scatola nera. 

Quello precipitato lungo il tragitto Tremiti-Foggia con targa I-PIKI, è il Power, una delle tre denominazioni commerciali con Elite e Grand. Il servizio di trasporto passeggeri, dal capoluogo dauno alle Diomedee, è cominciato nel 1985. In Alidaunia, nell'agosto 2020, si registravano cinque mezzi dello stesso modello.

Dal 2002, la compagnia guidata dal manager Roberto Pucillo, è anche Centro di Servizio per la manutenzione degli elicotteri Agusta.

Alidaunia, fondata nel 1976, è uno degli operatori italiani che impiegano l’A109 in servizi di elisoccorso.

La procedura Pbn e il modello AW169

Il modello, che lo scorso anno Leonardo ha celebrato per i suoi 50 anni di vita, seppur in maniera graduale, sta per essere sostituito da mezzi più performanti e di maggiori dimensioni, come l'AW169, a bordo del quale Enav e Leonardo, nella primavera 2021, hanno testato e validato con successo la procedura Performance Based Navigation esattamente per la rotta Foggia-San Domino Isole Tremiti.

L'azienda italiana attiva nei settori della difesa, dell'aerospazio e della sicurezza, ha evidenziato che le procedure Pbn, eseguite attraverso la navigazione satellitare avanzata e l'avionica degli aeromobili, contribuiscono in modo significativo all'ottimizzazione dello spazio aereo offrendo una maggiore sicurezza delle operazioni di volo grazie a una maggiore precisione e accuratezza di navigazione, avvicinamento e atterraggio, un fattore particolarmente chiave in determinate condizioni meteorologiche.

Pbn è combinato o sostituisce i più tradizionali sistemi di radionavigazione terrestre. Queste procedure garantiscono una riduzione delle emissioni inquinanti e del rumore, attraverso percorsi dedicati e minori consumi di carburante.

Trasporto passeggeri, servizio medico di emergenza e soccorso, operazioni di soccorso in caso di calamità, sorveglianza e antincendio, sono tra le principali applicazioni che possono beneficiare di questa tecnologia, in qualsiasi condizione atmosferica, giorno e notte. La sua adozione e implementazione migliorano significativamente la sicurezza del volo, la protezione dell'ambiente, la flessibilità del servizio pubblico, la reattività e l'efficacia e l'efficienza del trasporto aereo.

Le procedure validate con successo, utilizzando un elicottero Leonardo AW169 di ultima generazione, sono state il risultato di una collaborazione tra Alidaunia e Gsa (European Global Navigation Satellite Systems Agency) nell'ambito del progetto Phar (Pbn per Hems in Puglia).

Sono caratterizzate da un'elevata precisione legata all'utilizzo di particolari requisiti di navigazione che consentono un volo sicuro anche a bassa quota, riducendo le emissioni inquinanti e acustiche, integrando le operazioni di elicotteri e aeromobili, con un uso ottimizzato dello spazio aereo.

Enav, il fornitore italiano di servizi di navigazione aerea, è da anni in prima linea nella progettazione delle procedure Pbn per velivoli ad ala fissa e rotante. Leonardo, azienda leader nel campo dell'aerospazio, difesa e sicurezza che produce elicotteri di ultima generazione dotati di avionica all'avanguardia e capacità avanzate di navigazione satellitare, come l'AW169, è uno dei pochi produttori al mondo oggi in grado di per codificare e produrre database di navigazione Pbn.

Ed Alidaunia può trarre importanti benefici operativi nello sviluppo delle rotte Pbn garantendo notevoli vantaggi in termini di funzionamento H24 e in condizioni meteorologiche marginali.

L'attività dimostrativa in Puglia è stata la prima svolta dalla firma della Lettera di Intenti tra Enav e Leonardo, annunciata nell'ottobre 2020, volta ad offrire agli operatori di elicotteri, in Italia e all'estero, prodotti e servizi nel campo della navigazione strumentale avanzata, contribuendo anche all'ammodernamento delle relative infrastrutture.

50 anni dell'elicottero A109

Nel 2021 Leonardo ha festeggiato i 50 anni dell’A109, poi AW109, un prodotto iconico che ha rappresentato una rivoluzione nella vita dell'azienda. L'A109 in versione civile è attualmente in produzione presso lo stabilimento di assemblaggio finale di Vergiate in provincia di Varese. È disponibile nelle varianti Power (come l’elicottero precipitato), Élite con allestimenti di pregio e Grand con cabina allungata.

La richiesta progettuale ebbe origine dal designer Bruno Lovera all'allora top management e un prototipo di A109 è stato portato in volo per la prima volta in estate dal pilota Ottorino Lancia del 1971. Il nuovo modello prevedeva un rotore principale articolato a quattro pale, una coda semi-rigida a due pale rotore e carrello di atterraggio retrattile, offrendo una maneggevolezza unica e qualità di volo complessive. Il modello a 8 posti da tonnellata è stato certificato sia in Italia che negli Stati Uniti quattro anni dopo ed è entrato nel mercato 1976.

I modelli di classe da 3 tonnellate includono, appunto, il popolare Power e Grand.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'A109E, l'elicottero precipitato a Castelpagano e il test della procedura Pbn sulla Foggia-Tremiti

FoggiaToday è in caricamento