Cronaca

L’indecente spettacolo dei cassonetti rotti, sporchi e maleodoranti | FOTO

I dirigenti delle guardie ambientali di Foggia, dopo aver raccolto le segnalazioni e le lamentele dei cittadini, hanno fotografato lo stato pietoso dei cassonetti dei rifiuti

I cassonetti dei rifiuti danneggiati

Diventa sempre più difficile provare ad esprimere un’opinione positiva su Foggia, città che probabilmente sta attraversando il periodo più buio della sua storia dal dopoguerra ad oggi. Territorio vittima di una pericolosa crisi sociale alla quale bisogna aggiungere una preoccupante crisi di identità, oltre che istituzionale e finanziaria.

Ciò che spaventa, talvolta più di una bomba o di una rapina a mano armata, è il grado di civiltà, ormai ridotto ai minimi storici; è l’incuria del cittadino oppure la percezione che nessuno di noi possa fare qualcosa per sovvertire questo trend negativo di avvenimenti ed episodi al limite della tolleranza.

Non è più tollerabile, ad esempio, dover assistere, alle soglie del 2020, a immagini inquietanti come quelle dei cassonetti danneggiati, sporchi e maleodoranti. E’ persino strano vederne così tanti in giro. Ma questo è quanto.

I dirigenti delle guardie ambientali d’Italia, sezione di Foggia, dopo aver raccolto le segnalazioni e le lamentele dei cittadini, hanno fotografato lo stato pietoso dei cassonetti dei rifiuti di via Marinaccio, via Consagro, via Telesforo, via Pellico, via Iacuzio, via Fratelli Biondi, Piazza Scaramella, via Natola, via Gioberti, viale Dauno, via Capezzuto, viale Candelaro, via Lucera, via Martiri di via Fani, via Nedo Nadi, via Ugo la Malfa, via Benedetto Croce, via Zara, via della Repubblica, via Trieste, Corso Cairoli, viale della Stazione, via Borgo Croci, parco Sant'Anna, via Gazza, Via Sant'Antonio e viale XXIV maggio. Ora urgono provvedimenti e soprattutto soluzioni: quali?

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’indecente spettacolo dei cassonetti rotti, sporchi e maleodoranti | FOTO

FoggiaToday è in caricamento