Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Aggressioni, spaccio, celle sovraffollate e pochi agenti: il carcere di Foggia è allo sbando

 

Leo Beneduci segretario generale dell’OSAPP, l’organizzazione sindacale autonoma di polizia penitenziaria, nel corso di una conferenza stampa anticipata da un sit-in di protestaquesta mattina ha evidenziato il problema della Puglia e soprattutto di Foggia in merito al sovraffollamento delle carceri e alla carenza di organico, che per quanto riguarda la struttura di via delle Casermette è di circa il 25%. Tra le criticità evidenziate, quella che nel carcere dauno non c’è un direttore presente tutti i giorni e c’è una sezione chiusa, quella dei ‘protetti’, mentre i detenuti invece sono allocati in infermeria. “Una situazione atipica che ci lascia abbastanza dubbiosi” ha aggiunto Beneduci.

I sindacalisti hanno rimarcato la particolarità, negativa, dell’istituto penitenziario di Foggia, “famoso per le aggressioni che subisce il personale, legate al particolare regime a cui sono sottoposti i detenuti, che non vengono puniti e a volte nemmeno denunciati. Per il segretario regionale Osapp, Nicola De Nicoli, “c’è una piazza di spaccio e i detenuti la fanno da padrone”.

Carcere di Foggia, dove "la mafia dirige il territorio"

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento