Fenomeno del randagismo, ancora un’aggressione in città

Padre e figlio sono stati aggrediti in via Garibaldi. Ferite al polpaccio per l'uomo, graffi per il bimbo. Dopo gli episodi del 6 agosto e del 24 dicembre scorso, cresce la paura

In città è ancora allarme randagismo. Sabato mattina, in Corso Garibaldi, padre e figlio sono stati aggrediti da un branco di cani. Il bambino di tre anni è stato soltanto graffiato grazie all’intervento tempestivo dell’uomo, che è stato azzannato ad un polpaccio.

A scongiurare il peggio sono state le urla dei passanti e il successivo intervento delle “volanti” e dei Vigili Urbani. Sembra che il padrone di uno dei cani che avrebbe aggredito i malcapitati sia un senzatetto.

A Foggia cresce quindi la paura legata agli attacchi ingiustificati degli animali a quattro zampe. Dopo gli episodi del 6 agosto e del 24 dicembre 2010, quando persero rispettivamente la vita Pasquale Pio Meola e Ion Mema, è massima allerta sul fenomeno del randagismo. In realtà in entrambi i tragici casi di morte, i cani erano custoditi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • "Esco con gli amici" ma non fa più ritorno. Scomparso a 16 anni ma c'è chi tace per paura: "Noi non dimentichiamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento