menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Polizia e ambulanza in un'area di servizio (foto di repertorio da RiminiToday

Polizia e ambulanza in un'area di servizio (foto di repertorio da RiminiToday

Paura nell'area di sosta dell'autogrill 'Ofanto Nord': cliente avverte malore ma "non è positivo al Coronavirus"

La smentita di Autogrill SpA ad alcuni organi di informazione. L'autotrasportatore aveva avvertito un malore ed era stato soccorso dalla polizia stradale in ospedale. "Dagli accertamenti né affetto e né portatore di Coronavirus"

Un tantino avventati nell'approccio alla notizia, qualche giorno fa alcuni organi d'informazione avevano dato per certa o scontata la notizia di un camionista positivo al Coronavirus. Al contrario, noi ci eravamo riservati di attendere ulteriori informazioni sul caso, che per fortuna sono arrivati nella giornata di ieri da Autogrill S.p.A.

La società, attraverso un comunicato stampa, ha smentito la tesi di alcuni siti di informazione circa la presunta positività di un cliente dell'area di servizio Ofanto Nord in provincia di Foggia, precisando che il cliente è stato soccorso dalla polizia stradale all’esterno del punto vendita, "nell’area della piazzola di sosta e non all’interno del punto vendita come erroneamente riportato" (da alcuni organi di informazione on line); e che "il cliente successivamente è stato trasportato in ospedale, dove dagli accertamenti effettuati è stato confermato che non era affetto né portatore di Coronavirus".

Autogrill S.p.A. ha aggiunto che "dall’emergere della crisi dovuta alla diffusione del Coronavirus ha predisposto e adottato ogni misura necessaria per salvaguardare la salute e la sicurezza dei propri collaboratori e dei clienti, in ottemperanza ai decreti del Governo emessi e agli accordi in vigore con parti sociali, sono stati forniti presidi di sicurezza individuali (mascherine e guanti) con l'indicazione precisa di indossarli durante l'orario di lavoro; i punti vendita del canale autostradale, gli unici rimasti aperti proprio per il servizio di pubblica utilità svolto, sono stati dotati di segnaletica orizzontale per rispettare la distanza di almeno un metro dal bancone e dalla cassa;  sono fornite ai clienti indicazioni specifiche affinché il consumo di quanto acquistato avvenga al di fuori del punto vendita. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lopalco: "Puglia zona gialla non è liberi tutti"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento