rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Cronaca Manfredonia / borgo mezzanone

Orrore a Borgo Mezzanone: in una vigna, il cadavere semicarbonizzato di una donna

La vittima è una donna di colore e apparentemente di mezza età. Il cadavere era parzialmente carbonizzato e l'ipotesi al momento più verosimile è che la donna sia stata uccisa e il suo corpo dato alle fiamme. Indagano i carabinieri

Orrore a Borgo Mezzanone, a pochi chilometri da Foggia, dove è stato scoperto il cadavere di una donna, parzialmente carbonizzato.

A fare la scoperta, intorno alle 7,30 del mattino, è stato un ospite del Centro di accoglienza richiedenti asilo della borgata: ha scorto il cadavere sotto un vigneto, mentre lo stesso percorreva la strada che lo porta nei campi dove lavora come bracciante agricolo, ed ha immediatamente dato l’allarme ai carabinieri, presenti con una postazione fissa all'interno della struttura di Borgo Mezzanone.

Al loro arrivo, i militari hanno trovato, a terra, in aperta campagna, a circa 300 metri dall'uscita secondaria del Cara, il cadavere seminudo di una donna di colore, apparentemente di mezza età, di cui non si conoscono ancora le generalità. Il cadavere era poggiato a terra su un fianco, parzialmente carbonizzato e l’ipotesi al momento più verosimile è che la donna sia stata uccisa e il suo corpo dato alle fiamme nel tentativo di cancellare eventuali tracce.

I militari non escludono che possa trattarsi di una prostituta che vive nel piccolo ghetto che sorge a ridosso del Cara. Si attende l’arrivo del medico legale per la prima ispezione cadaverica che potrà rilevare eventuali segni di violenza o colluttazione. Le indagini sono state affidate ai carabinieri che stanno ascoltando gli ospiti dell’accampamento di Mezzanone.

Borgo Mezzanone, orrore nei campi: c'è il cadavere di una donna | FOTO D'AGOSTINO

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Orrore a Borgo Mezzanone: in una vigna, il cadavere semicarbonizzato di una donna

FoggiaToday è in caricamento