Cronaca

Buste con polvere sospetta indirizzate al sindaco Mongelli e al Prefetto

Sono state bloccate ieri all'ufficio postale del Villaggio Artigiani. Ora si trovano all'istituto Zooprofilattico di Foggia. Sono in corso le indagini

Dopo gli arresti per presunte tangenti, un altro elemento rischia di avvelenare il clima al Comune di Foggia, destabilizzando equilibri più che precari. Anche se questa volta a farne le spese non sarebbe solo palazzo di città. Due buste contenenti polvere sospetta sono state rinvenute e bloccate ieri all'ufficio postale del Villaggio degli Artigiani, quello adibito allo smistamento dei prodotti per gli enti.

Destinatari il sindaco Mongelli, allertato immediatamente ed in attesa in queste ore di capirne di più, e la Prefettura. Immediato l'allarme degli operatori postali ai vigili dei fuoco che, giunti sul posto, hanno bloccato entrambe le missive consegnandole alla ASL di Foggia.

Quest'ultima le avrebbe quindi inviate all'istituto Zooprofilattico (dove si trovano ora) per i dovuti accertamenti. Si tratta di sondare la natura della polvere, oltre che di indagare su eventuale mittente/i e ragioni alla base di quello che ha tutti i crismi di un atto intimidatorio. Indagini sono in corso. Sulla vicenda vige il massimo riserbo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Buste con polvere sospetta indirizzate al sindaco Mongelli e al Prefetto

FoggiaToday è in caricamento